Live 24! Varese-Padova, la vigilia: rifinitura blindata all’Euganeo, pranzo a Brescia e poi ritiro. Castori perde Momentè e Corti

Di
Ultima modifica: 9 novembre, 2012
portechiuseeuganeo2

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA

Ore 23.50 – (Acspezia.com) Il tecnico del Grosseto Mario Somma parla del punto conquistato contro lo Spezia che muove la classifica: “Il rammarico e’ davvero tanto stasera, per tanti aspetti, ma sono un uomo di calcio e so che poteva andare diversamente. Oggi abbiamo incontrato uno Spezia strepitoso, squadra con valori importantissimi in tutti i reparti. Noi abbiamo cercato di contenere perché era impossibile ribattere colpo su colpo. Lanni e’ di verto stato il migliore il campo, ma il dispiacere e’ per come abbiamo subito il gol, da azione d’angolo; in quelle situazioni ci e’ mancato tanto la stazza di Del Vecchio. Il gol era evitabile, ma il pareggio e’ di certo giusto.”

Ore 23.35 – (Eco di Bergamo) l gip Maria Michela Di Fine ha disposto l’udienza dell’incidente probatorio per la morte di Piermario Morosini per il prossimo 19 aprile 2013 a quasi un anno esatto dalla morte del calciatore. Nell’udienza di venerdì 9 novembre il gip, oltre a recepire tutti i periti di parte, ha dato l’incarico e la superperizia a Vittorio Fineschi, Franco Della Corte e Riccardo Coppato. Tutti i periti nominati si riuniranno la prima volta a Foggia il 6 dicembre prossimo, per acquisire tutti i risultati medico legali dell’esame autoptico dello sfortunato calciatore morto il 14 aprile scorso, e una seconda volta il 17 dicembre per esaminare gli aspetti medico legali. I superperiti nominati dal gip avranno 90 giorni di tempo dal 6 dicembre per scrivere la relazione, e quindi le parti avranno un mese e mezzo per recepirle. All’udienza di venerdì erano presenti i legali dei quattro medici iscritti sul registro degli indagati, ossia il medico del Livorno Manlio Porcellini, quello del Pescara Ernesto Sabatini, il responsabile del 118 dello Stadio Vito Molfese e il primario dell’ospedale di Pescara Leonardo Paloscia.
Al termine dell’udienza del 19 aprile prossimo spetterà al Pm Valentina D’Agostino trarre le conclusioni e decidere se chiedere di prosciogliere o di rinviare a giudizio i quattro medici indagati.
Secondo quanto è emerso dalla perizia dell’accusa, Morosini sarebbe morto per una cardiopatia aritmiogena, ma secondo i periti del Pm se i sanitari in campo avessero usato un defibrillatore Morosini avrebbe avuto ‘ragionevolì possibilità di essere salvato.

Ore 22.50 – Serie Bwin, la nuova classifica: Sassuolo 31, Hellas Verona 28, Livorno 26, Cittadella 20, Padova (-2 punti) e Spezia 19, Juve Stabia, Brescia e Modena (-2 punti) 18, Varese 17 (-1 punto), Ternana 16, Ascoli e Empoli 15 (-1 punto), Cesena 13, Bari (-7 punti), Vicenza e Virtus Lanciano 12, Crotone (-2 punti) e Pro Vercelli 11, Novara (-3 punti) e Reggina 10 (-3 punti), Grosseto 6 (-6 punti)

Ore 22.45 – Il ct dell’Under 21, Devis Mangia ha diramato l’elenco dei convocati per l’amichevole con la Spagna in programma martedì 13 novembre alle 18.30 allo stadio ‘Artemio Franchi’ di Siena. Prima convocazione per il difensore del Grosseto Federico Barba e per i centrocampisti di Verona e Cittadella Jorginho e Baselli. Tra i convocati anche Insigne, Florenzi, Immobile e Viviani. Ecco l’elenco dei convocati: Portieri: Francesco Bardi (Novara), Simone Colombi (Modena), Mattia Perin (Pescara);
Difensori: Federico Barba (Grosseto), Luca Caldirola (Cesena), Marco Capuano (Pescara), Mattia De Sciglio (Milan), Giulio Donati (Grosseto), Paolo Frascatore (Sassuolo), Simone Romagnoli (Pescara), Mario Sampirisi (Genoa); Centrocampisti: Daniele Baselli (Cittadella), Alessandro Florenzi (Roma), Luiz Jorge Frello (Verona), Lorenzo Insigne (Napoli), Luca Marrone (Juventus), Jacopo Sala (Amburgo), Riccardo Saponara (Empoli), Federico Viviani (Padova); Attaccanti: Giuseppe De Luca (Atalanta), Manolo Gabbiadini (Bologna), Ciro Immobile (Genoa), Samuele Longo (Espanyol).

Ore 22.37 – Incontro terminato: 1-1 tra Grosseto e Spezia.

Ore 22.29 – Pareggio dello Spezia con Stefano Okaka. Assist dell’ex biancoscudato Schiavi.

Ore 21.49 – Partito il secondo tempo a Grosseto, con i padroni di casa ancora in vantaggio.

Ore 21.33 – Terminato il primo tempo di Grosseto-Spezia: 1-0, Sforzini.

Ore 21.16 – Grosseto in vantaggio contro lo Spezia: il gol alla mezzora del solito Sforzini.

Ore 20.45 – Iniziato in questo istante l’anticipo Grosseto-Spezia, valevole per la 14esima giornata di serie Bwin.

Ore 20.40 – (Seriebnews.com) Un torneo internazionale tra i vincitori dei campionati di secondo livello, sul modello della Mitropa Cup dal 1979 al 1992: è questa l’idea a cui stanno lavorando la Lega Serie B e l’Unione delle leghe europee. Lo ha spiegato anche Andrea Abodi, citando come esempio proprio la competizione abolita vent’anni fa nella sua edizione rinnovata, e aggiungendo che è in fase di studio anche “un torneo Sei Nazioni delle rappresentative delle leghe di II Divisione”.

Ore 20.15 – Tra trenta minuti l’inizio di Grosseto-Spezia: Serena a caccia di conferme, in caso di non successo, o peggio ancora, di sconfitta, il suo esonero potrebbe essere molto probabile.

Ore 19.55 – (Seriebnews.com) Il tecnico del Varese Fabrizio Castori, dato per pericolante da più parti, presenta in conferenza stampa la partita contro il Padova: ”Direi che non c’è bisogno di molte parole, la partita che ci aspetta domani non ha bisogno di presentazioni. Per uscire da questo momento servono proprio quelle caratteristiche che le mie squadre hanno sempre avuto, prima fra tutte una grande determinazione per conquistare i tre punti. Getteremo il cuore oltre l’ostacolo”.

Ore 19.10 – Tegola per il Verona. Gli scaligeri non avranno a disposizione Armin Bacinovic per la sfida di sabato contro la Ternana; il centrocampista ex Palermo ha infatti evidenziato, dopo l’allenamento di rifinitura, un problema muscolare al polpaccio destro.

Ore 18.55 – I convocati di Varese – Padova. Sono 19 i giocatori convocati dal tecnico Fulvio Pea per la gara di domani contro il Varese. La Società biancoscudata informa che per domani i calciatori Luca Maniero e Enej Jelenic saranno aggregati alla squadra Primavera. Portieri: Anania, Silvestri. Difensori: Cionek, Feltscher, Franco, Legati, Piccioni, Piccinni, Renzetti, Rispoli, Trevisan. Centrocampisti: De Vitis, Galli, Nwankwo, Viviani, Ze Eduardo. Attaccanti: Cutolo, Granoche, Raimondi.

Ore 18.35 – (TuttoB) Da Catania potrebbe partire un bastimento contenete ben quattro rinforzi di grande spessore per il campionato cadetto. Infatti non è un mistero che l’Hellas Verona sia da mesi sulle tracce del regista Marco Biagianti. L’agente del giocatore, Roberto La Florio, ne ha parlato in diverse occasioni con il diesse scaligero Sean Sogliano. Inoltre da Catania potrebbe sbarcare in cadetteria, direzione Ascoli il fantasista Adrian Ricchiuti nel caso in cui gli etnei decidessero di non rinnovare il contratto all’argentino che piace anche al Grosseto. Maremmani che insieme al Novara hanno bussato alla porta catanese per la punta Souleymane Doukara, pupillo di mister Maran ma sinora poco impiegato. Per concludere il poker rossazzurro pronto ad essere calato sul tavolo del mercato di B c’è il terzino Ciro Capuano, concupito dallo Spezia.

Ore 18.15 – Mattia Perin, portiere del Pescara prossimo avversario della Juventus in campionato, intervistato da La Gazzetta dello Sport, parla della prossima sfida con i bianconeri: “Noi arriviamo da una vittoria che ha riportato il sereno, loro da un ko. L’umore conta – riporta TuttoJuve.com – e se avremo più cattiveria di loro possiamo farcela. Vorrei farmi un regalo per il mio 20esimo compleanno: una super partita del Pescara e la maglia di Buffon, il più forte di tutti i tempi”.

Ore 18.00 – Ancora non comunicati i convocati. Jelenic, comunque, andrà con la Primavera, assente anche Gallozzi.

Ore 17.45 – Rottura del legamento crociato per Davide Gavazzi. Grave tegola sul Vicenza già in difficoltà dopo i risultati delle ultime settimane. Domani primo dei tre derby che si completeranno con Padova e Verona per il Cittadella.

Ore 17.05 – Report meteo Padova Goal Varese-Padova: previste forti piogge all’Ossola per domani pomeriggio, probabilmente per tutta la durata della partita.

Ore 17.00 – Questa la domanda di Cristiano: Salve! nell’intervista a Foscarini del 09/11 scrivete che ci sarà ancora da pazientare per Coly! Potreste essere più precisi?? Quando torna il mio idolo?? Grazie. Cristiano” (d.c. – L’infortunio di Coly è particolarmente delicato e ci vorranno ancora un paio di settimane, fermo restando che la situazione andrà monitorata con grande attenzione)

Ore 16.50 – Questa la mail di Francesco: Giusto fare un’ amichevole con una squadra della bundesliga e magari farla alloggiare ad Abano Terme a cui darà un pò di visibiltà turistica”.

Ore 16.40 – Questo il messaggio degli Intrepidi: Salve, volevamo comunicare che il club intrepidi sarà presente a Varese domani!! Forza Padova noi ci crediamo”

Ore 16.10 – Questa la mail di Felice: 59 kg, e’ il peso forma di Raimondi, domani (vedi meteo) nelle ore della partita e’ prevista pioggia “abbondante”/ forse non la miglior situazione per no come Raimondi, . Allora perche’ fare il processo anticipato a Pea? Saprà lui chi e come schierare. Io mi fido ciecamente di un allenatore come lui che tra le altre cose gestisce anche i cambi, mica come l-’anno scorso,,,…. Avanti cosi quindi e anche Raimondi avra’ le sue chanche che non sono poche a mio parere”.

Ore 15.55 – La squadra ha pranzato a Brescia, per poi dirigersi alle porte di Varese, dove verrà completato il ritiro pre-match.

Ore 15.45 – Questo il pensiero di Francesco Giglio: Caro Dimitri si è già capito che anche a Varese Raimondi Pea non partirà titolare: ma perché l’allenatore non dice apertamente cosa ha contro questo ragazzo cosi stimato da Scantamburlo che è stato scopritore di ottimi talenti? Penso che su questo argomento un talent-scout come Vittorio se ne intenda più di Pea e l’ha dimostrato con i fatti e non con le chiacchiere. Vedrete che a gennaio Raimondi lo manderanno di nuovo via, poi non ci facciamo la solita domanda perché i giovani talenti non vogliono più ritornare a Padova! Semplicemente non vedono un futuro nella loro città, invece di parlare di un rettangolo di gioco in erba sintetica all’EUganeo pensassero a sfornare i nostri giovani e non quelli degli altri e vedrete che i conti alla fine torneranno a vantaggio del Padova. Poi invece di sprecare soldi per l’erba sintetica perché non avvicinano le curve al rettangolo di gioco per rendere l’Euganeo più idoneo a uno stadio di calcio che oggi non è? Mistero… Distinti saluti Giglio Francesco”

Ore 15.05 – (Adnkronos) La Procura federale ha disposto tre nuove audizioni nell’ambito delle proprie indagini istruttorie relative al filone dell’inchiesta sul calcioscommesse aperta dai magistrati di Cremona. Mercoledì 14 novembre verranno ascoltati il calciatore del Lecce Stefano Ferrario e Antonio Bellavista, tecnico iscritto all’albo, mentre il 15 novembre sarà la volta del calciatore dell’Ascoli Andrea Soncin. Il calendario delle audizioni del 14 novembre: Silvio Cassaro (ex calciatore iscritto all’albo dei tecnici), Massimo Frassi (ex dirigente del Rodengo Saiano), Stefano Ferrario (calciatore Lecce), Antonio Bellavista (tecnico iscritto all’albo). Il calendario delle audizioni del 15 novembre: Andrea Soncin (calciatore Ascoli).

Ore 14.40 – (Varesesport) Una partita che non ha bisogno di presentazioni”. Così Castori vede la partita di domani contro il Padova. “Il momento richiede grande determinazione per conquistare. Getteremo il cuore oltre l’ostacolo. Gara molto difficile contro un avversario capace di non farti giocare, servirà dunque anche pazienza. Sembrano frasi fatte, ma è davvero così”.
Quale sarà l’undici del Varese antiPadova è facile da ipotizzare. Per la partita di domani, il fischio d’inizio al Franco Ossola è fissato alle 15, il tecnico Castori dovrà rinunciare allo squalificato Ebagua e all’infortunato Filipe. Corti e Momenté hanno alte probabilità di non essere del match: i due hanno dovuto abbandonare in anticipo la rifinitura di questa mattina allo stadio entrambi per un problema al ginocchio. Chi ce la farà invece è Zecchin, che si è messo alle spalle la distorsione alla caviglia. Le novità in campo riguarderanno un po’ tutti i reparti, a partire dalla porta in cui rientrerà Bressan, completamente ristabilito dopo la botta rimediata a Novara. In difesa ci saranno Rea e Carrozzieri al centro con Pucino e Grillo esterni. Le maggiori incertezze riguardano il centrocampo: al posto di Corti potrebbe rivedersi Damonte al fianco di Kone, anche se non si esclude l’impiego di Zecchin come mediano con uno tra Kink e Tripoli in fascia. Dal lato opposto ci sarà Nadarevic. Chi sostituirà Ebagua in attacco? Se fino ad oggi il favorito era Momenté, visto il suo problema, Castori potrebbe inserire dal primo minuto Martinetti, favorito su Eusepi, al fianco di Neto Pereira. Il Varese insegue la vittoria che non arriva da otto giornate, coincise con tre sconfitte e cinque pareggi, una media che la squadra vuole assolutamente cambiare. Castori è fiducioso, si aspetta un atteggiamento aggressivo e il sostegno del pubblico contro un avversario tosto: “Purtroppo non siamo ancora al completo – il commento del mister –. Corti e Momenté sono in bilico, ma non dobbiamo piangerci addosso. L’assenza di Ebagua? Non mancherà solo lui. Lo spirito della squadra è uno indipendentemente da chi gioca. Ci servono i tre punti e battaglieremo per questo. La squadra in trasferta ha avuto un buon ruolino di marcia, mentre le maggiori difficoltà le abbiamo riscontrate in casa, per questo non dobbiamo sbagliare. Mi aspetto il sostegno del pubblico”.

Ore 14.35 – Questo il messaggio di Fabio:”Stupenda l’ idea di Chicco… farla all’ Appiani poi sarebbe ancora piu suggestivo.

Ore 14.00 – Questo il messaggio di Federico:”Caro Alessio, anzichè chiedere che male ha fatto Jelenic per non giocare, io mi domanderei che male ha fatto il Padova per pagare il cartellino di Jelenic 1,8 mln di euro. Ah sì, mi sono risposto: il male che abbiamo fatto è stato avere avuto Foschi come ds.

Ore 13.35 – Questo il messaggio di Chicco:”Salve,mi è venuta un’idea che potreste girare alla società,a gennaio c’è la sosta lunga e quindi presumo si faranno delle amichevoli,visto che anche in germania c’è la sosta a gennaio si potrebbe organizzare un’amichevole con una squadra della bundesliga,che ne pensate?

Ore 13.25 – (Lega Serie B) Il Presidente di Lega Nazionale Professionisti Serie B, Andrea Abodi, è stato protagonista della Web Interview promossa da Sport Business Academy, il centro di cultura manageriale sportiva per manager e dirigenti dello sport, promosso dal 2010 da RCS Sport e SDA Bocconi School of Management. Dopo il positivo precedente con il campione dell’NBA Danilo Gallinari, l’Academy ha proposto una nuova Web Interview in cui Andrea Abodi si è confrontato sul tema: “L’importanza delle competenze manageriali nello Sport: il punto di vista di una Lega”. A intervistare il Presidente Abodi è stato il Prof. Dino Ruta, Co-Director di SBA e coordinatore del programma di formazione “Sport Management: competenze per creare valore nello sport”, che avrà inizio il 26 novembre prossimo. Durante l’evento il Presidente Abodi ha ricevuto lo “Sport Business Academy Award”, premio assegnato dall’Academy ai più importanti personaggi dello sport internazionale. SBA intende premiare Andrea Abodi per il suo profilo di competenze manageriali e per il contributo allo sviluppo dello sport in Italia. Nel corso della sua carriera all’insegna del confronto internazionale, ha sviluppato competenze in tema di organizzazione di eventi sportivi, gestione di atleti e diritti sportivi. Più di recente, l’impegno profuso per la valorizzazione del baseball in Italia e la recente nomina a Presidente di Lega Serie B hanno consacrato un percorso unico e variegato. In Lega ha improntato la sua strategia puntando sulla crescita dei giovani atleti, sull’impegno sociale e sullo sviluppo del territorio, rinforzando la centralità del collettivo di atleti e società sportive. Un’interpretazione moderna del fare sport, simbolo di una leadership manageriale di profilo internazionale.

Ore 12.40 – Questo il messaggio di Alessio:”Scusate, ma sapete che ha fatto di male Jelenic per essere finito aggregato fisso alla primavera?

Ore 12.35 – Questo il messaggio di Stefano da Montegrotto:”Cosa ne dite di fare lo stadio nuovo sul sito dell’ippodromo a Ponte di Brenta?

Ore 12.30 – (Varese Sport) A partire dalla stagione 1964/1965, sono 11 in totale i precedenti tra le due squadre giocati al “Franco Ossola”, con un bilancio di due vittorie per il Varese, sette pareggi e due vittorie per il Padova. La prima sfida andò in scena il 16 Ottobre 1966 valida per la sesta giornata di Serie B, e vide il Padova trionfare per una rete a zero. Nella stagione 1983/1984 il risultato alla fine della partita fu di 1-1. Vittoria del Varese, in occasione alla terza partita giocata tra le due squadre nel corso della stagione 1984/1985. Il risultato di 1-0 venne firmato da Di Giovanni all’87′. Nei successivi tre incontri tra le due squadre il risultato finale non andò oltre il pareggio; 0-0nell’incontro del 1985/1986, 1-1 in quello del 1998/1999 e 1-1 nella stagione 2001/2002. Giostra di gol invece lastagione successiva, che vide il Padova vincente con il risultato di 4-3. Altro pareggio nell’ottavo incontro tra le due squadre sempre con il risultato per 0-0, valido per la quinta di andata di Serie C1 della stagione 2003/2004. Ben due incontri nella stagione 2010/2011: il primo terminò con uno 0-0 con poche emozioni. Opposta partita invece il 5 giugno 2011, quando le due squadre si sfidarono nei playoff per ottenere un posto in Serie A; il risultato finale di 3-3 (reti varesine di Pisano, Neto Pereira e De Luca e reti padovane di El Shaarawy, Legati ed ancora El Shaarawy) consentì alla squadra veneta di giocarsi la finale playoff contro il Novara, poi persa. Ultimo match, lo scorso anno. Un Varese rigenerato completamente dalla cura del nuovo tecnico Maran, chiamato in sostituzione di Benny Carbone, riuscì a vincere nettamente contro i biancoscudati di Dal Canto, grazie al risultato di 3 a 0. Le reti furono siglate da Cacciatore, Cellini, su rigore, e Kurtic, con un bolide da fuori area che si infilò nel sette.

Ore 11.45 – Pea su Farias: “Sicuramente qualcosa verrà cambiato alla luce della sua assenza perché non c’è un suo doppione, il che da un lato è un bene ma qualche volta ci complica qualcosa ma di pochissimo… Ho però giocatori mentalmente liberi dal punto di vista tattico, il che è un bene… Raimondi? Ha caratteristiche diverse rispetto a Farìas, quindi se giocheremo con le tre punte ci sarà spazio per lui altrimenti potremo sfruttare centrocampisti che si inseriscono come Zé Eduardo, Galli o De Vitis…”

Ore 11.39 – Pea sulle parole di Cestaro: “Io sono molto esigente, sta a me e al buon senso capire quando si può spingere su un ragazzo e quando invece aiutarlo a recuperare. In questo modo si limitano parecchio gli infortuni. Abbiamo una casellina degli infortuni muscolari ridotti al minimo. Io dal presidente nostro accetto tutto perché ha dato tutto a questa società. Lui ama alla follia questi colori, quindi i suoi sentimenti li espone come un grande innamorato. Gli sforzi fatti sinora sono pazzeschi, la piazza lo rispetta e lo stima per tutto quello che ha fatto”.

Ore 11.37 – Pea sul palo di Cutolo: “È stata una questione di centimetri, se fosse entrato quel pallone a quest’ora staremmo qui a parlare di un’altra realtà. Se uno legge i numeri delle partite contro Modena e Cesena sono tutti dalla nostra parte. Sabato scorso la prestazione è stata di altissimo livello, non bisogna guardare solo il risultato”.

Ore 11.35 – Pea sul Varese: “Hanno due ottimi esterni come Zecchin e Nadarevic e verticalizzano spesso sulle due punte centrali. È veramente un’ottima squadra, hanno una buona esperienza e credo che avremo i nostri bei problemi perché l’avversario è di qualità. Ma non dimentico la forza dei miei, abbiamo sempre maggiori pregi e sempre meno difetti. Stiamo curando i particolari e la strada che abbiamo ripreso è quella giusta”.

Ore 11.33 – Pea sulla formazione: “Restano a casa Jelenic che va con la Primavera e Gallozzi, che continua ad avere piccoli problemi muscolari ogni volta che viene aggregato al gruppo”.

Ore 11.31 – Pea: “I ragazzi stanno bene, secondo me la squadra sta bene ed è consapevole che affrontiamo un appuntamento importante. Affrontiamo una squadra che lo scorso anno ha sfiorato la promozione in serie A e che è attrezzata per un obiettivo importante”.

Ore 11.30 – Arriva puntualissimo Pea.

Ore 11.05 – Sta per terminare la rifinitura a porte chiuse all’Euganeo.

Ore 10.40 – (Gazzettino) La partita verrà diretta da Gennaro Palazzino di Ciampino. Oggi rifinitura a porte chiuse alle 10 all’Euganeo prima della partenza per il ritiro in Lombardia. Mancheranno Cuffa, Babacar, Gallozzi e lo squalificato Farias. Trevisan verrà intanto premiato lunedì 19 a Vicenza come migliore biancoscudato della passata stagione al Gran Gala del calcio triveneto organizzato dall’associazione Calciatori. Nel Varese, oltre a Ebagua, mancherà Filipe, e resta un piccolo dubbio su Zecchin per una distorsione alla caviglia rimediata in allenamento.

Ore 10.20 – (Gazzetta dello Sport) Corti è in dubbio per una distorsione ad un ginocchio: in caso di forfait gioca Damonte perché manca anche Filipe (stiramento agli adduttori). Zecchin e Lazaar recuperano mentre in difesa rientra Carrozzieri. Ebagua è squalificato ed al suo posto dovrebbe esserci Martinetti, autore di una doppietta nell’amichevole con i Free Players.

Ore 10.10 – (Gazzetta dello Sport) Commosso davanti a un lungo applauso della curva nord, dopo il pari con l’Atalanta, il 29 maggio 2011 Michele Serena aveva detto addio al Grosseto. In quella stagione il tecnico (il terzo dopo Apolloni e Moriero) raggiunse la salvezza. Ma come sarà l’accoglienza, e soprattutto il saluto finale, se lo Spezia stasera manterrà il proprio obiettivo? «Voglio vincere — dichiara — soprattutto per dare continuità. Non sarà facile, però, contro una squadra che meriterebbe più punti di quelli che ha, al di là della penalizzazione». L’ultima volta che le due squadre si sono affrontate in Toscana era il 19 gennaio 2008, sempre in B, e furono i toscani a vincere 3-0. Nel Grosseto in campo anche Garofalo e Pichlmann (a segno nella gara di ritorno al Picco), ora tra i liguri. Ma gli ex biancorossi che hanno cambiato maglia non finiscono qui: quel giorno, dietro le quinte, c’era anche l’attuale d.s. Nelso Ricci e in altre stagioni capitan Sansovini e il d.g. Renato Cipollini. I tifosi del Grosseto annunciano una panolada contro i torti arbitrali. «Non penso che la classe arbitrale si faccia influenzare da queste cose — commenta sorridendo Serena — quando vedrò la panolada le darò un voto: avendo giocato in Spagna, qualcuna l’ho vista e fatta da 80 mila persone…».

Ore 10.00 – (Gazzetta dello Sport) Davide Nicola è salito sul pullman in direzione Ascoli con il sorriso sulle labbra: al Del Duca potrà ripresentare il «trio delle meraviglie». Luca Siligardi dopo 32 giorni di stop — si fermò per una forte contusione rimediata al Picchi contro lo Spezia l’8 ottobre — è guarito e potrà tornare in campo con i «compagni di viaggio» Paulinho e Dionisi. Un recupero importante per Nicola visto che Siligardi è il miglior attaccante con 6 reti nei 660 minuti in cui è stato in campo in questo campionato nelle sole 8 presenze. Con Paulinho e Dionisi si ricompone un trio che finora ha meravigliato tutti con 15 reti: 5 Dionisi e 4 il brasiliano. Soltanto il Verona è riuscito a fare altrettanto con il suo tridente. Numeri che hanno fatto sì che il Livorno, nonostante una difesa troppo spesso perforata, possa occupare il terzo posto. [...] Per Siligardi sono stati giorni pesanti, ma ora l’incubo sembra terminato: «Non è stato facile stare fermo e seguire solo dalla tribuna le partite. Ma ora sono pronto a dare una mano e riprendere il cammino. In questo mese ho visto un bel Livorno, una squadra che gioca sempre per fare la partita, e la forza del gruppo sta in questo». Domani per il Livorno c’è una gara impegnativa contro una formazione arrabbiata dopo l’ultimo ko. «Andiamo nelle Marche per fare punti e per giocarcela». Obiettivo non facile, ma alla portata del Livorno soprattutto con il «trio delle meraviglie».

Ore 09.40 – (Mattino di Padova) «Non c’è un orientamento statisticamente valido che sconsigli l’uso del sintetico». A parlare è il professor Pierpaolo Mariani, luminare di chirurgia ortopedica, che poche settimane fa ha operato Matias Cuffa al ginocchio a Roma. «Fra un terreno naturale e uno sintetico non avrei dubbi a scegliere il secondo: sono molto più frequenti i traumi causati da buche, zolle che si alzano, campi allentati dalla pioggia o ghiacciati. I terreni sintetici di ultima generazione dicono siano particolarmente buoni: una volta era diverso, erano molto differenti da quelli di oggi, il piede rimaneva piantato ed effettivamente c’erano dei problemi. Oggi, però, non creano particolari contrattempi, specialmente se il giocatore si allena regolarmente sullo stesso terreno: il corpo si abitua, riducendo i rischi derivanti dal terreno diverso. A quel punto, abituati ad allenarsi sul sintetico, i giocatori non avrebbero problemi a giocare ogni tanto sul naturale».

Ore 09.30 – (Mattino di Padova) Il terreno in sintetico all’Euganeo? Le prime reazioni sono contrastanti: il Comune di Padova, proprietario dell’impianto e titolare a tutti gli effetti dell’ultima parola, si dichiara favorevole all’ipotesi. Ma la maggioranza dei tifosi boccia l’idea della società. Appoggio. A favore dell’iniziativa, pur se ancora allo stato embrionale, è l’assessore allo Sport Umberto Zampieri: «Rendere sintetico il terreno dello stadio mi sembra un’idea interessante», osserva. «Segnala da parte della società la voglia di migliorare l’impianto, e non possiamo che essere disponibili verso questo tipo di proposte. Dall’idea bisogna passare però al progetto, ed è su quello che il Comune si esprimerà. A caldo mi sembra uno spunto positivo: con tutti coloro che gestiscono i nostri campi si potrebbe anche trovare un modo per andare incontro alla società, davanti ci si prospettano tempi duri dal punto di vista economico e l’Amministrazione non potrà esserne partecipe. Mi fa piacere comunque che ci sia l’idea di darsi da fare e di investire sull’Euganeo: ben venga se si trasformerà in proposta operativa, verso la quale mi sento di esprimere un parere in linea di massima positivo». A favore dell’idea del Padova il fatto che il nuovo terreno – se si farà – non pregiudicherà lo svolgimento di altre iniziative, prima fra tutte il Meeting di Atletica. «Un fattore importante», sottolinea Zampieri, «perché lo stadio così com’è configurato deve mantenere in qualche maniera la sua polifunzionalità. Non so bene come ci si dovrebbe comportare con i concerti, ma con un po’ di attenzione probabilmente si troverebbe un punto d’incontro, discutendone e riflettendoci». [...] Prima di poter impostare discorsi circa la fattibilità di un nuovo impianto per il Padova, è evidente, bisognerà attendere ancora: la società ha quindi pensato di migliorare ciò che al momento è possibile, a partire dal terreno di gioco. Che permetterebbe di contenere notevolmente i costi di gestione: «La spesa di realizzazione di un buon campo, che dia tranquillità negli anni, oscilla tra i 350 e i 500mila euro» spiega Roberto Nusca, dg di Limonta Sport, azienda leader nel settore. E a chi sospira ripensando malinconica al bel calcio di una volta, risponde: «Il mondo del football è cambiato. Più ore di gioco, più squadre e più atleti: un campo naturale non può sopportare carichi del genere. Le tecnologie di oggi forniscono un filo d’erba fatto con prodotti vegetali, avvicinando il campo per temperature e risposta al gioco a quello naturale».

Ore 09.05 – Ospite d’onore della trasmissione sportiva “Calcio in smoking” su La13, il tecnico biancoscudato Fulvio Pea ha parlato a 360 gradi del Padova. Tra le rivelazioni principali, il ritorno all’Appiani prossimamente per qualche sporadico allenamento ed il probabile ritiro fuori dall’Italia durante la sosta di gennaio.

Ore 08.42 – Probabile formazione Padova: due opzioni in ballo. Tridente puro con Raimondi, che ha buone chance di partire titolare, oppure 3-4-2-1 con Ze’ Eduardo e Cutolo dietro a Granoche e a centrocampo Viviani con Nwankwo

Ore 08.41 – Alle 11.30 dalla sala stampa dello stadio Euganeo conferenza stampa di Fulvio Pea. In mattinata in programma all’Ossola anche la conferenza stampa di Fabrizio Castori. Nel frattempo il sito internet del Varese risulta ancora offline

Ore 08.39 – (Genoa Cfc) Entusiasmo, serietà, consapevolezza e responsabilità. Il Direttore Sportivo Rino Foschi (foto Genoa Cfc), accolto a Pegli dall’Amministratore Delegato Alessandro Zarbano per il bentornato ufficiale dopo la parentesi del 2008, traccia la strada per rimettere in carreggiata il Grifone. “E’ un momento particolare. Negli ultimi anni il Genoa aveva abituato bene, a parte il finale della scorsa stagione. Le difficoltà vanno affrontate e superate, il tempo per fortuna non manca. Sono convinto che la squadra abbia dei valori e sia stata sfortunata, oltre che penalizzata da fattori che hanno inciso sul rendimento. A partire dagli infortuni e da assenze pesanti. C’è bisogno della collaborazione di tutte le componenti, la necessità che il gruppo di lavoro si compatti, mettendo in campo ogni energia. Serve ritrovare fiducia, autostima, serenità. Pensare positivo ed essere consapevoli che i risultati siano la medicina migliore. Vedremo di muoverci sul mercato, in base ai concetti di Delneri che ho conosciuto a Palermo. La rosa? Non va sfoltita numericamente, opereremo in uscita con chi vorrà eventualmente cambiare o non è si adattato. In entrata interverremo con giocatori che offrano certezze se possibile, perché i giovani vanno bene in prospettiva, non se hai a che fare con questa realtà di classifica dovesse perdurare. Il presidente è amareggiato, però voglioso di migliorare la squadra. Considerandomi una persona seria, la volta precedente avevo rinunciato a proseguire l’esperienza. Neppure era stato depositato il contratto, perché non avevo uno stato d’animo consono per problemi personali. Il Genoa è sempre stato un mio pallino, volevo venire già qui prima di andare al Palermo. Mi metto a disposizione per operare in società, nello spogliatoio, a contatto con l’allenatore. Mi sono sempre preso le mie responsabilità, ovunque abbia lavorato”.

Ore 08.37 – Il brasiliano Filipe parla a Varesesport del momento della squadra: “È vero che la vittoria non arriva da tanto, ma non perdiamo neanche da tanto. Abbiamo fatto quattro risultati positivi consecutivi. Dobbiamo anche guardare il bicchiere mezzo pieno perché altrimenti rischiamo di farci del male da soli. Sappiamo che dobbiamo lavorare per migliorare, ma non dobbiamo essere catastrofici. Siamo in difficoltà solo dal punto di vista dei risultati, dobbiamo far meglio tutti. Non siamo affatto depressi, siamo carichi e vogliosi di tornare a vincere. Ne siamo consapevoli”. L’obbiettivo della squadra è sempre stato quello di mantenere la categoria, l’attuale posizione in classifica è a un punto dai playoff, perché c’è comunque dello scontento attorno alla squadra? “Fondamentalmente perché la gente si è abituata bene visti i risultati degli ultimi anni. È normale che i tifosi vogliano vincere sempre. Anche noi lo vorremmo, però la classifica dice che siamo ad un solo punto dai playoff. Quindi non è da buttare via quello che abbiamo fatto, anzi stiamo andando bene”.

Ore 08.35 – Khouma Babacar è tornato a correre. Secondo fonti vicine al giocatore il rientro potrebbe avvenire entro un mese, attorno al 10 dicembre

Ore 08.33 – Serie Bwin, il programma della 14^ Giornata: oggi alle 20.45 Grosseto-Spezia. Sabato 10 novembre ore 15: Ascoli-Livorno, Cesena-Brescia, Cittadella-Vicenza, Crotone-Empoli, Juve Stabia-Virtus Lanciano, Pro Vercelli-Modena, Sassuolo-Novara, Ternana-Hellas Verona, Varese-Padova. Lunedi 12 novembre ore 20:45: Bari-Reggina

Ore 08.31 – Serie Bwin, la nuova classifica: Sassuolo 31, Hellas Verona 28, Livorno 26, Cittadella 20, Padova 19 (-2 punti), Juve Stabia, Brescia, Spezia e Modena (-2 punti) 18, Varese 17 (-1 punto), Ternana 16, Ascoli e Empoli 15 (-1 punto), Cesena 13, Bari (-7 punti), Vicenza e Virtus Lanciano 12, Crotone (-2 punti) e Pro Vercelli 11, Novara (-3 punti) e Reggina 10 (-3 punti), Grosseto 6 (-6 punti)

Ore 08.29 – SERIE BWIN, 13^ Giornata, i risultati. Sabato 3 Novembre ore 15:00: Brescia-Ternana 1-0 (18′ Saba), Empoli-Pro Vercelli 2-1 (14′ Tonelli, 55′ Scaglia, 62′ Maccarone), Grosseto-Ascoli 2-1 (42′ Sforzini, 50′ Sforzini, 61′ Zaza), Livorno-Bari 2-1 (6′ Dionisi rig, 58′ Schiattarella, 72′ Fedato), Novara-Cittadella 0-1 (38′ Giannetti), Padova-Cesena 1-1 (11′ Granoche, 47′ st Succi), Reggina-Varese 1-1 (47′ Comi, 77′ Neto), Spezia-Crotone 2-1 (6′ Sansovini, 27′ Maiello, 72′ Sansovini), Vicenza-Virtus Lanciano 0-1 (15′ Vastola), Oggi: ore 19:00 Modena-Juve Stabia 1-0 (41′ st Ardemagni) Hellas Verona-Sassuolo 1-0(41′ pt Gomez)

Ore 08.27 – Questo il programma allenamenti della prima squadra: oggi alle 10 allenamento a porte chiuse allo stadio Euganeo, domani alle 15 gara di campionato Varese – Padova allo stadio Ossola, Domenica 11 novembre riposo

E’ successo, 8 novembre: Cestaro scatenato a Bresseo: “Dico la verità, mi interessa più la libertà di Italiano che i due punti ci possano essere restituiti in classifica. Lui è un ragazzo a posto, mi auguro che le cose vadano al loro posto e che tutto vada come deve andare”. Intanto si rivede Babacar, che riprende a correre

Print Friendly