Live 24! Caos-Padova fra Cestaro, Vecchiato e… Mister X

Di
Ultima modifica: 11 giugno, 2013
vecchiato palazzo moroni

Clicca qui per aggiornare la diretta

Ore 23.50 – Ai microfoni di Tuttomercatoweb.com l’ex tecnico del Novara Attilio Tesser ha parlato del proprio futuro dicendosi pronto a tornare in panchina sposando un progetto senza problemi di categoria e svelando dei contatti già avviati con almeno un paio di squadre: “Qualche contatto al momento c’è e vediamo come e se si concretizzerà. Si tratta di squadre di serie B, ma in generale non ho alcuna preferenza sulla squadra da allenare o sulla categoria: non mi sono mai posto questi problemi. Adesso ho solo tanta voglia di tornare a fare il mio mestiere. Sono molto motivato. – continua Tesser – L’unica cosa che importa è che ci sia un progetto condivisibile e valido che possa sentire mio. Non metto altri paletti per il mio futuro”.

Ore 23.15 – (Alfredo Pedullà) CARMINE GAUTIERI è un candidato forte per lo SPEZIA, ormai è chiaro da giorni. Ma domani sarà un giorno importante perché l’ormai ex allenatore del LANCIANO incontrerà i possibili nuovi dirigenti. Lo SPEZIA lo ha messo in pole, il contratto potrebbe essere biennale, ma GAUTIERI vuole prima conoscere i programmi e le ambizioni del club.

Ore 22.15 – Domani all’Hilton di Milano incontro, forse decisivo, fra il Trapani e gli agenti di Antonio Di Nardo. Possibile fumata bianca per il passaggio dell’attaccante campano al club siciliano.

Ore 21.45 – Si è da poco conclusa la conferenza stampa indetta dall’ormai ex direttore sportivo Giancarlo Romairone. Dopo sette anni, si è interrompe così il lavoro del ds che ha saputo contribuire in maniera importante all’ascesa del club piemontese in serie B. Dal 30 giugno il suo presente si chiamerà Spezia, squadra che, come confidato da Romairone, è la squadra alla quale ha segnato di più nella carriera da giocatore. Resta il filo conduttore di quella maglia bianca, che unisce le due squadre (lo Spezia adottò la casacca bianca proprio in omaggio al club vercellese). Romairone lascia ma è già pronto il suo sostituto: si tratta di Massimo Varini, ex direttore tecnico della Reggiana. L’annuncio è stato ufficializzato negli ultimi minuti. Il nuovo dirigente verrà presentato nella mattinata di sabato.
Ecco ora un estratto della conferenza di Giancarlo Romairone, seguita da SerieBnews.com.
“Innanzitutto ringrazio a chi mi ha dato questa grande opportunità. Ringrazio il Presidente Massimo Secondo e l’ad Fabrizio Rizzi che sette anni fa mi hanno chiesto di far parte di questo progetto. Siamo reduci da tre anni fantastici, anche se questa stagione si è chiusa con la retrocessone. So che la Pro Vercelli si riprenderà benissimo e auguro di ripetere gli stessi risultati avuti negli ultimi anni. Lascio il testimone a una persona che può fare bene a Vercelli. Il nuovo direttore seguirà il tutto da vicino; dovrà erificare che quello che abbiamo fatto vada vicino al su modo di lavorare. Mi auguro inoltre che per il bene di questa squadra il presidente Secondo possa essere accompagnato nel suo lavoro, per evitare di ritornare al passato. Spezia? E’ un passo importante, ponderato e valutato. E’ una situazione che è venuta fuori il mese scorso e un po’ sotto traccia è rimasta nei miei pensieri. E’ una opportunità che ho valutato anche con il Presidente. Cosa farò? Cercherò nel mio piccolo di risolvere alcune problematiche. Sperano di trovare una nuova mentalità e io cercherò di far capire che bisogna lottare con il coltello tra i denti e uscire dal campo con la maglia bagnata. E’ un ambiente difficile ma vado con grande entusiasmo nella speranza che sia un’esperienza che mi completi”.

Ore 21.05 – I rapporti fra il dirigente rosanero Giorgio Perinetti e il ds granata Daniele Faggiano, potrebbero favorire la nascita di una collaborazione tra Palermo e Trapani. Lo ha detto lo stesso Perinetti ai microfoni di GolSicilia: “Al di là della rivalità sportiva tradizionale tra Palermo e Trapani, le società devono pensare alle strategie di mercato e quant’altro. Al nord si collabora tranquillamente, non vedo perché al sud non si dovrebbe. In virtù del buon rapporto potrebbe nascere qualche collaborazione”.

Ore 20.50 – Entro sabato 15 giugno il nuovo cda del Cesena delibererà un aumento di capitale pari a 3.5 milioni facendo fronte agli stipendi di marzo e aprile. Il secondo traguardo è fissato entro il 30 giugno data fondamentale per conformarsi alle scadenze previste e permettere di iscrivere il Cavalluccio al prossimo campionato cadetto. Al momento c’è ottimismo in società.

Ore 20.20 – Entro il 20 giugno il Padova può riscattare l’intero cartellino di Ze’ Eduardo a 1 milione di euro dal Parma. Se non lo farà, il club ducale ha già un accordo sulla parola per darlo in prestito al Cesena.

Ore 20.05 – Massimo Zanetti smentisce a Padovagoal ancora una volta il suo interesse per il Padova: “Luca Baraldi non mi ha mai parlato del Padova. Non c’è nulla di nulla, non c’è mai stato nulla”.

Ore 19.50 – (Lega serie B) “Oggi possiamo dire che c’è un network delle leghe di seconda divisione”. Emanuel Macedo de Medeiros, direttore generale dell’Epfl, l’Associazione che riunisce 29 leghe europee e che ha organizzato insieme alla Lega Serie B il summit di Venezia, si dice molto soddisfatto di aver messo attorno a un tavolo 11 componenti calcistiche di seconda e terza divisione: “Non è un punto di arrivo ma di partenza, un network comune di crescita non solo economico ma soprattutto di idee e progetti”. E proprio di strategie, soprattutto relativamente a infrastrutture, gestione dei costi, crescita dei giovani, marketing e format dei campionati, si è discusso nella due giorni veneta, con interventi da parte di presidenti e direttore generali delle leghe francese, austriaca, spagnola, turca, olandese, portoghese, danese, svizzera, russa oltre che ovviamente italiana con la Lega Serie B e la Lega Pro: “La forza della nostra associazione – ha detto il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi – sta nel mettere a denominatore comune le esperienze di ognuno marcando tuttavia le proprie differenze. Non vorremmo arrivare al paradosso che ci sia una maggiore collaborazione a livello europeo che nazionale, dove è necessario parlare di più e capire che si serve tutti la stessa causa, quella del calcio, non solamente il proprio interesse”. A confronto quindi i vari meccanismi di play off, le promozioni e le retrocessioni dirette, ma anche le aperture e le clausure come in Olanda, e l’opportunità delle seconde squadre, spagnole e portoghesi, sostenuta nel suo intervento dal presidente dell’Aic Damiano Tommasi. Poi spazio all’esperienza tedesca incentrata sulla qualità delle infrastrutture, la Salary Cap italiana e la B Italia, che ha rappresentato una vera e propria “best practice”, come l’ha definita il direttore marketing dell’Epfl Alberto Colombo, progetto che ha innescato una discussione sulla fattibilità di un 6 nazioni fra rappresentative di seconda divisione europee: “Si è aperto un tavolo di lavoro in questo senso” ha detto Macedo, “è stato un tema che abbiamo posto in maniera chiara – ha aggiunto Abodi – sarà un progetto sotto l’egida dell’Epfl, nel rispetto e nelle prerogative del calendario Uefa e a servizio delle Federazioni che, come dimostra il nostro caso, ha avuto un beneficio per le Nazionali giovanili”. Tutti d’accordo, le leghe riunite, nel ribadire che il summit è servito, come si auspicava ieri nel saluto introduttivo il presidente dell’Epfl e della Lega francese, Ligue de Football Professionel, Frederic Thiriez, ad avere più strumenti per pianificare le proprie strategie: “Essere un laboratorio di progettualità per una lega di seconda divisione è una necessità – ha concluso l’incontro il direttore generale della Lega Serie B Paolo Bedin – questo non significa che non siamo contenti del nostro format, con play off sempre seguitissimi ed emozionanti, e della nostra politica sui giovani il cui utilizzo è aumentato del 91% nel giro di tre anni e con un’Under 21, ora in semifinale all’Europeo, dove giocano 19 ragazzi che nelle ultime tre stagioni hanno militato in Serie B”.

Ore 19.30 – Emiliano Bonazzoli, in vacanza a Formentera in questi giorni, attende notizie sul suo futuro. L’opzione che il Padova poteva esercitare per il rinnovo è scaduta lunedì, ma l’attaccante di Asola ha dato massima priorità al Padova e non ha intenzione, almeno per ora, di ascoltare altre proposte.

Ore 19.00 – Si restringe sempre più il campo delle scelte per quanto riguarda ds e allenatore. Guido Angelozzi è favorito su Ivone De Franceschi, mentre per la panchina dipenderà dalle risorse trovate da Cestaro. Se riuscirà a racimolare una cifra importante con l’ingresso dei Vecchiato, allora la scelta cadrà su Beppe Iachini, se al contrario ne uscirà un compromesso con investimenti più limitati si andrà su Domenico Di Carlo

Ore 18.50 – Secondo Gianluca Di Marzio Il Palermo lavora per tornare in A. Il consigliere d’amministrazione rosanero Giorgio Perinetti prova a stringere per Matteo Ardemagni. C’è stato un incontro tra Stefano Lombardi, agente dell’attaccante, e Perinetti. Ardemagni piace anche al Catania, ma il Palermo prova a stringere.

Ore 18.30 – Stando a quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il Pescara avrebbe sondato il terreno con l’Inter per il terzino ventenne Cristiano Biraghi, quest’anno autore di un’ottima stagione in prestito al Cittadella in Serie B e seguito anche da alcuni club di Serie A, Catania in testa. Gli abruzzesi, carenti in quel ruolo e pronti a dare fiducia a un giovane così di belle speranze, sono pronti a chiedere in prestito il giocatore all’Inter, favorevole all’idea di poter dare continuità al ragazzo.

Ore 18.10 – (TuttoB) Il Palermo per l’attacco pensa al centravanti Nando Sforzini. La punta romana dinanzi a una proposta del genere potrebbe anche lasciare Pescara. Su Sforzini è forte l’interesse di Spezia e Varese.

Ore 17.40 – (TuttoMercatoWeb) Stefano Di Cuonzo, difensore classe 1995 della Juve Stabia in scadenza di contratto, è stato corteggiato da sue club di serie B. Secondo quanto appreso da TMW il Pescara e il Brescia hanno più volte sondato il terreno con il giocatore per capire se ci fossero le possibilità di prenderlo in vista della prossima stagione.

Ore 17.10 – (Gianluca Di Marzio) All’Hilton è arrivato Marcello Carri, ds dell’Empoli. Nelle prossime ore parlerà con il Parma, c’è un incontro in programma. Si parlerà di Schiavi e Mario Rui, terzino sinistro portoghese classe ’91, l’ultima stagione in prestito allo Spezia. Anche Raffaele Schiavi, difensore di 27 anni, ha giocato l’ultima stagione allo Spezia in prestito dal Parma. Empoli e Parma parleranno di questi due giocatori, ma potrebbero essere valutate altre possibilità.

Ore 16.45 – Vicenza Calcio comunica che, in data odierna, è stata perfezionata la risoluzione della compartecipazione e cessione a titolo definitivo al Catania Calcio del calciatore Alberto Frison, classe 1988, portiere.

Ore 16.25 – Si tratta ancora dietro le quinte. E non ci sono soltanto i Vecchiato, ma anche altri imprenditori con cui sarebbero in corso dialoghi avviati. Oggi Cestaro si trova a Cesena con il figlio Lorenzo e il direttore finanziario della Unicomm Walter Pulcini, domani dovrebbe avvenire l’incontro con Sandro e Michele Vecchiato.

Ore 16.00 – (Alfredo Pedullà) Beppe Sannino al Chievo: lo sapete da tempo, le dimissioni presentate lo scorso 22 maggio sono state accettate. Adesso il Chievo aspetta che vengano ratificate dalla Lega, è un passaggio formale. Subito dopo Sannino firmerà un biennale con iI Chievo, con vari bonus. L’aspetto importante è che Zamparini risparmierà 850 mila euro netti, circa due milioni lordi, dopo la decisione dell’allenatore di lasciare e che risale a circa venti giorni fa. Ora il Palermo aspetta di annunciare Gattuso, sta risolvendo gli ultimi problemi con il Sion.

Ore 15.40 – (TuttoMercatoWeb) Non solo Gianluca Atzori e Alessandro Calori per la Reggina. Il club amaranto sta valutando anche la candidatura di Gaetano Auteri, tecnico che ha fatto grande la Nocerina in questi ultimi anni. L’indiscrezione, rilanciata dal Quotidiano della Calabria, ha avuto riscontri anche da TMW. Le parti si sarebbero avvicinate sensibilmente nelle ultime ore.

Ore 15.20 – (TuttoB) Il Palermo è interessato all’esterno offensivo del Torino Alan Stevanovic. Le parti ne hanno parlato nell’ambito del riscatto di Glik e Darmian.

Ore 15.00 – (TuttoMercatoWeb) In casa Verona è ancora poco chiara la situazione legata al portiere Rafael de Andrade Bittencourt Pinheiro, in arte Rafael (31). Mentre il club scaligero è all’erta sul possibile sostituto, aumentano le pretendenti per l’estremo difensore brasiliano. Stando a quanto raccolto dalla nostra redazione in queste ore sarebbe spuntato un forte interesse da parte dello Spezia.

Ore 14.40 – (ReSport) Situazione ancora difficile da decifrare per Mbakogu. Un calciatore per cui la Juve Stabia ha sborsato 300mila euro l’estate scorsa per acquistarne la metà del cartellino dal Padova. Investimento che purtroppo è andato a vuoto perchè il giovane attaccante si è smarrito. Dopo due mesi incoraggianti (ottobre e novembre) Mbakogu si è eclissato per gli infortuni e non ha reso come Manniello e Giglio auspicavano nonostante la fiducia incondizionata di Braglia. Jerry Mbakogu rischia di diventare un peso per Juve Stabia e Padova. Il suo procuratore Campi ha fatto sapere che il calciatore non intende restare a Castellammare. Il Padova è fermo sul mercato e intanto si avvicina il 25 giugno, termine ultimo per le comproprietà. Il rischio buste appare inevitabile.

Ore 14.20 – (TuttoMercatoWeb) Arrivato al Genoa in prestito con diritto di riscatto dal Novara, Marco Rigoni non dovrebbe restare in rossoblu. Difficile che il giocatore venga riscattato, dunque se lo scenario fosse confermato, Rigoni tornerebbe al Novara, che poi gli dovrebbe trovare un’altra collocazione in virtù di un ingaggio pesante per le casse piemontesi.

Ore 14.00 – (Biancorossi.net) Quello appena trascorso è stato un week end di lavoro per la cordata svizzera che sabato scorso a Vicenza ha incontrato ancora una volta i vertici della società biancorossa per approfondire e definire i punti fondamentali della trattativa in corso. Come abbiamo già anticipato un accordo di massima tra le parti è stato raggiunto, ma ora inizia il lavoro più delicato. In campo sono scesi i commercialisti e i legali delle parti, ed è confermata la nostra anticipazione che ha indicato nel dottor Ippolito Gallovich il consulente del gruppo elvetico. Il professionista, esperto nel campo amministrativo, tributario e fiscale è stato incaricato di seguire la trattativa nella fase finale che nell’incontro fissato per oggi dovrebbe fare passi avanti molto importanti, fondamentali. Dovrebbe, perché i ben informati raccontano che i rappresentanti della cordata svizzera avrebbero manifestato qualche segnale di titubanza proprio nel momento cruciale della trattativa, una sorta di rallentamento quando si è arrivati di fatto in prossimità dell’ultima curva. Non si tratterebbe di una frenata, ma più probabilmente di una pausa di riflessione che in ogni caso lascia spazio a più di qualche dubbio in relazione a una trattativa che invece pareva ormai orientata verso una positiva conclusione. Dall’incontro in programma oggi si dovrebbe sapere se i dubbi di Hamdi Mehmeti e del suo gruppo sono stati solo dovuti ad un’ultima attenta analisi della situazione, oppure se si può iniziare a parlare di un vero e proprio ripensamento che avrebbe in questo caso ripercussioni molto negative sull’esito finale della trattativa stessa.

Ore 13.40 – Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di PianetaB, il futuro di Andrea Cocco non sarà a Verona. Il possente centravanti degli scaligeri, arrivato alla corte di Andrea Mandorlini la scorsa estate dall’AlbinoLeffe, ha vissuto una stagione tormentata a causa di numerosi infortuni ed è dato tra i partenti: l’attaccante, infatti, piace ad alcuni club di Serie B, pronti a farlo giocare con più continuità.

Ore 13.20 – (TuttoB) Il figlio d’arte Simone Benedetti potrebbe restare in Serie B. Il difensore classe ’92 verrà prestato dall’Inter al Cesena. Accordo in dirittura d’arrivo.

Ore 13.00 – (TuttoMercatoWeb) Secondo quanto risulta alla nostra redazione, con tutta probabilità lo Spezia non eserciterà il diritto di riscatto per il difensore rumeno Dorin Goian. Il ragazzo farà dunque ritorno in Scozia nei Rangers in attesa di trovare una nuova sistemazione.

Ore 12.40 – (TuttoB) Due anni dopo il suo arrivo dal Monza il centrocampista classe ’91 Damian Djokovic potrebbe lasciare il Cesena. Il calciatore croato ha mercato sia in Serie B – con Novara e Brescia che negli ultimi giorni hanno effettuato dei sondaggi – che nel massimo campionato italiano. A farsi avanti negli ultimi giorni il Livorno di Aldo Spinelli.

Ore 12.20 – Secondo indiscrezioni raccolte da TuttoMercatoweb, sull’ex trainer del Lanciano Carmine Gautieri ci sarebbe anche l’interesse del Varese. Infatti, il tecnico napoletano dovrebbe, nella tarda mattinata, incontrarsi a Napoli con il diesse dei lombardi Mauro Milanese che ha manifestato interesse per il tecnico ex Lanciano. Sul tecnico Gautieri è forte l’interesse anche del Lecce che in caso di B farebbe follie per portarlo in Puglia e, soprattutto, dello Spezia (domani in mattinata un nuovo incontro), club che già da tempo ha chiesto informazioni sul tecnico campano.

Ore 12.00 – (Gazzettino) A proposito di allenatori, sulla panchina biancoscudata in vista della prossima stagione restano sempre candidati forti Domenico Di Carlo, sponsorizzato dal presidente Luca Campedelli del Chievo che è particolarmente legato a Cestaro, e Beppe Iachini per il quale il patron biancoscudato ha sempre avuto un occhio di riguardo. Quando alla scelta del direttore sportivo, in pole position resta sempre Guido Angelozzi che a fine mese si separerà dal Bari, senza dimenticare la soluzione interna rappresentata da Ivone De Franceschi. E sembra essere in corsa anche Stefano Antonelli, soprattutto nel caso in cui come allenatore le preferenze dovessero andare per Iachini.

Ore 11.50 – (Gazzettino) Il tutto comunque non rappresenta una novità, dal momento che è nelle corde del presidente Cestaro dilatare i tempi che precedono una decisione, ed è per questo che anche oggi non è pervenuta alcuna fumata bianca. L’unica cosa certa, invece, è rappresentata dal fatto che Fulvio Pea non sarà più l’allenatore del Padova. È stato proprio il tecnico di Casalpusterlengo a dichiararlo con poche parole sul sito Tuttomercatoweb: «Il Padova? Ho finito il mio contratto e la mia avventura è terminata

Ore 11.40 – ( Gazzettino) La terza opzione è che il patron biancoscudato si stia ancora interrogando sul quale scelta compiere per l’investitura di diesse e tecnico, facendo magari anche qualche giro d’orizzone con alcuni amici-confidenti che gravitano all’esterno del club biancoscudato, prassi già messa in atto nel passato.

Ore 11.30 – (Gazzettino) La seconda possibilità potrebbe essere rappresentata dal sorgere di qualche altra pista nella cessione di quote del pacchetto azionario del club biancoscudato, situazioni magari che erano state temporaneamente congelate proprio per dare priorità al discorso con i Vecchiato

Ore 11.20 – (Gazzettino) Tanto per cominciare che sia tornata in auge improvvisamente la trattativa con i fratelli Sandro e Michiele Vecchiato, dopo il brusco stop fatto registrare la scorsa settimana, con Cestaro che aveva dichiarato di essersi sentito preso in giro, e con Sandro Vecchiato che aveva replicato di essere deluso. Su un eventuale ritorno di fiamma tra le parti, i due imprenditori della Interbrau non hanno voluto rilasciare dichiarazioni, trincerandosi appunto nel silenzio

Ore 11.10 – (Gazzettino) È sempre più complicato capire cosa stia passando in queste ore per la testa del presidente Marcello Cestaro, blindatissimo nel suo riserbo. Il fatto che a oggi non sia stata presa alcuna decisione sulla scelta del direttore sportivo e dell’allenatore fa sorgere spontanea la seguente domanda: quale può essere il motivo?
Le ipotesi sul piatto potrebbero essere almeno tre

Ore 11.00 – Chiusura con lo scatenato Pescara, che dopo aver ottenuto dal Genoa gli arrivi di Sturaro, Improta, Said e Ragusa, ha come obiettivi Farias e Sabelli.

Ore 10.50 – L’apertura della “rosea” viene però dedicata al mercato di serie B. Col consueto giro di valzer delle panchine: a La Spezia Gautieri in vantaggio su Mangia, a Lanciano Baroni in pole position – e con tanto di accordo di massima – con Stroppa in attesa mentre in casa-Reggina vige il caos in quanto Vecchi rimarrà all’Alto Adige (non ha il patentino per allenare) e Calori ed Atzori sono sulla corda così come Auteri e Braglia, su cui il presidente Foti ha fatto un pensierino. Riepilogata anche la situazione biancoscudata con la riapertura della trattativa Cestaro-Vecchiato e la corsa a ds – Angelozzi in vantaggio su De Franceschi, più defilato Antonelli – ed allenatore, con Iachini e Stroppa in ballo.

Ore 10.40 – “La Gazzetta dello Sport” riassume poi gli argomenti centrali del summit in corso a Venezia tra le principali Leghe di serie B europee: si è parlato dell’idea di un campionato continentale tra rappresentative delle varie serie cadette nonché dell’intenzione – da parte della Lega di serie B italiana -di rendere ancor più avvincenti i playoff coinvolgendo più squadre o prendendo a modello la formula del campionato argentino con Apertura e Clausura.

Ore 10.30 – L’attenzione del quotidiano sportivo nazionale viene poi rivolta alle trattative. In cui sono coinvolti anche molti ex biancoscudati: il Catania cerca con insistenza Matteo Ardemagni, l’Udinese potrebbe accogliere Federico Viviani quale contropartita per la cessione alla Roma di Benatia mentre il Bologna cerca una sistemazione per Agliardi e Crespo.

Ore 10.20 – “La Gazzetta dello Sport” apre il capitolo-mercato ricordando le date delle comproprietà, che dovranno essere risolte tra il 19 giugno e le ore 19.00 del 20 giugno, altrimenti si ricorrerà alle buste per dirimere le situazioni irrisolte. Il mercato poi aprirà ufficialmente il primo luglio.

Ore 10.00 – Il quotidiano locale chiude il lungo articolo ricapitolando la situazione relativa al ds, con Angelozzi in vantaggio su De Franceschi in quanto consigliato dal duo del Chievo Campedelli-Sartori ma anche gradito dai Vecchiato, che avrebbero ricevuto feedback positivi da Adriano Galliani. Sul fronte-allenatore, invece, Beppe Iachini avrebbe sopravanzato gli altri candidati, in primis Mimmo Di Carlo.

Ore 09.50 – L’attenzione principale da parte de “Il Mattino di Padova” viene però ovviamente dedicata alla confermata riapertura della trattativa tra Marcello Cestaro e i fratelli Vecchiato. Secondo il quotidiano locale tra oggi e al massimo domani si dovrebbe tenere l’atteso “faccia a faccia” tra le due parti, che intendono lavorare a fari spenti per evitare fughe di notizie in nome del bene del Padova. “Il Mattino” riporta nuovamente la proposta avanzata da Cestaro ai titolari dell’InterBrau: acquisizione del 40% del pacchetto azionario e sponsorizzazione – da parte del gruppo Unicomm – delle maglie biancoscudate per i prossimi 3 (ma potrebbero anche essere 4) campionati ad una cifra che si aggirerebbe intorno ai 10 milioni di euro. Viene inoltre ipotizzato che il patron biancoscudato nelle ultime 48 ore possa aver ascoltato qualche altro interlocutore allo scopo di spezzettare ulteriormente il 92% delle azioni di cui dispone.

Ore 09.40 – Il quotidiano locale passa poi sulla sponda biancoscudata, iniziando dal mercato. E rivolgendo l’attenzione sul Pescara “pigliatutto”: gli abruzzesi avrebbero difatti messo gli occhi non solo sull’ex Schiavi ma anche su Diego Farias, sfruttando l’amicizia del direttore tecnico Giorgio Repetto – per più di 15 anni responsabile degli osservatori del Chievo Verona al Sud – con Giovanni Sartori. Non sembra invece trovare particolari riscontri la notizia che vorrebbe il Pescara su Andrea Rispoli, il cui futuro è ancora tutto da scrivere.

Ore 09.30 – Intervistato da “Il Mattino di Padova”, il tecnico del Cittadella Claudio Foscarini parla del suo rinnovo e della situazione della squadra: «Mercoledì o giovedì sarò a Cittadella. Ci siamo già trovati per proseguire un altro anno. Credo che il discorso firma non sia così importante. Dopo tutti questi anni insieme, la cosa che conta è che ho deciso di continuare ancora con i granata. Che poi si metta nero su bianco mercoledì o tra un mese è la stessa cosa. Ho voglia di ripartire. Dubbi? No. Mi sono detto: perché non fare il nono anno a Cittadella? Mi sono preso il classico periodo di riflessione, ma io e Marchetti di fatto non abbiamo mai staccato. Insieme stiamo lavorando per allestire la squadra. Stiamo cercando di analizzare cosa è andato e cosa non ha funzionato durante la stagione appena conclusa. Cordaz? Non m’interessa ciò che dice il singolo. Io non ho mai litigato con nessuno. Quindi non devo fare pace con i giocatori. Non è successo niente. Qualche decisione magari non è stata presa bene, ma dire che hanno il mal di pancia mi pare esagerato. Sono convinto che i giocatori farebbero i salti mortali per rimanere a Cittadella. Molto spesso la decisione sulla loro permanenza non spetta ai giocatori, ma alla società. Credo che, fatta eccezione per quelli che hanno ambizioni diverse, tutti vorrebbero restare. Che Cittadella sarà? Credo che la filosofia della società porti per natura a rinnovare e cambiare. In questo periodo stiamo provando a capire perché qualche giocatore non sia cresciuto come ci si attendeva nella seconda parte del campionato. Vogliamo studiare se il calo del girone di ritorno sia stato a livello di preparazione o motivazionale. Sono rimasto qui anche perché voglio riscattare un girone di ritorno che mi ha lasciato tanto amaro in bocca. Coralli? È un giocatore che ha fatto bene a Cittadella. Ha dato un apporto importante alla promozione e di lui ho un ottimo ricordo. Ci sono, però, tante cose da ponderare».

Ore 08.40 – (Corriere dello Sport) Aveva fatto benissimo al Cittadella, ma ora è tempo di rilanciarsi. Ecco che Federico Piovaccari, 29 anni, di proprietà della Sampdoria, potrebbe decidere di passare al Modena. Alla squadra di Novellino serve un sostituto di Ardemagni, Piovaccari sembra perfetto. La trattativa è in corso.

Ore 08.38 – (Seriebnews) Il portiere Jean Francois Gillet ha inviato una lettera aperta al sindaco di Bari Michele Emiliano nella quale rimarca la sua “baresità” impegnandosi a restituire le chiavi della città che gli vennero consegnate due anni fa, prima del suo trasferimento al Bologna. L’estremo difensore infatti è coinvolto nelle indagini sul calcioscommesse ed è stato deferito dalla Procura Federale per un doppio illecito, nell’ambito del filone bis dell’inchiesta pugliese, relativamente alle gare Bari-Treviso 0-1 del 2008 e Salernitana-Bari 3-2 dell’anno successivo.

Ore 08.36 – Nella giornata di oggi potrebbe venire assegnata un’altra panchina, quella dello Spezia, dopo l’ufficializzazione dell’arrivo di Romairone nel ruolo di ds. Carmine Gautieri sembra in pole-position, ma non sono da escludere sorprese.

Ore 08.34 – (Corriere del Veneto) Scommettere sul fatto che la trattativa fra Marcello Cestaro, Sandro e Michele Vecchiato sia davvero riaperta dopo che tutte le indicazioni dei giorni scorsi parevano condurre su un binario morto, rappresenta quasi un giro alla roulette. Quel che è certo è che le parti sono tornate a parlarsi durante il weekend e che venerdì è in programma il lancio sul mercato della nuovissima Birra Antoniana con l’apertura del nuovo stabilimento di Ronchi di Villafranca, per cui un ingresso sulla scena dei titolari della InterBrau come soci di minoranza o addirittura come plenipotenziari sarebbe indubbiamente un colpo di teatro non da poco in un contesto del genere. Ma è davvero complesso capire cosa stia accadendo dietro le quinte. Anche perché le distanze fra Marcello Cestaro e il figlio Lorenzo con il passare dei giorni si stanno acuendo e ieri erano in diversi a giurare che alla Unicomm il direttore finanziario Walter Pulcini, lo stesso Lorenzo Cestaro e pure l’uscente Luca Baraldi non fossero a conoscenza dei nuovi contatti fra il Cavaliere e Sandro Vecchiato. Detto che fonti industriali vicine alla trattativa continuano a giurare e spergiurare sull’esistenza di altri contatti ben avviati per la cessione del club con altri soggetti la cui identità rimane un mistero (si sa soltanto che non sono padovani), la possibilità che si arrivi a un accordo con la InterBrau al momento è un’opzione da tenere in debita considerazione, ma tutt’altro che certa. Racconta chi segue passo dopo passo la trattativa che i contatti fra le parti, nonostante le dichiarazioni tutt’altro che amichevoli e polemiche rilasciate con annesse accuse reciproche nei giorni scorsi, in realtà non si sarebbero mai interrotti. Sulle cifre, circola un’ipotesi di accordo fra i 4 e i 5 milioni di euro per il 40% delle quote, ma di conferme neppure l’ombra e su questo fronte si gioca a carte coperte. Quanto alla sponsorizzazione sulla maglia, un punto di riferimento credibile per quanto riguarda una società di buon livello ipotizza una cifra attorno ai 500.000 euro a stagione. A Vicenza, ad esempio, la Banca Popolare di Vicenza nell’ultimo campionato ha garantito questo introito al club biancorosso e su cifre appena leggermente superiori si è viaggiato a Verona. Quello che resta da appurare è la volontà di Cestaro. Detto che ai suoi più stretti collaboratori l’imprenditore vicentino continua a ribadire di non voler mollare la presa, è altrettanto evidente che la situazione familiare all’interno della Unicomm sia a dir poco esplosiva. Da capire anche il ruolo di Luca Baraldi, che oscilla in questi giorni fra Treviso, dove è al lavoro per conto di Massimo Zanetti, e Padova e che ha il contratto con la Unicomm in scadenza il prossimo 30 giugno. Non si comprende bene se sia ancora al centro dei colloqui per la cessione del Padova o meno. Da Ronchi di Villafranca, quartier generale della InterBrau, nessuno commenta gli ultimi sviluppi, qualcuno dice che giovedì potrebbe essere il giorno giusto per qualcosa d’importante. Esattamente alla vigilia del lancio della Birra Antoniana. Sarà soltanto un caso?

Ore 08.32 – (Corriere del Veneto) Non si muove foglia sul fronte mercato, in casa Padova la situazione è fortemente condizionata dallo stallo persistente per quanto riguarda la società. Tutte le strategie sono appese alla scelta di direttore sportivo e allenatore e, con il passare delle ore, il cerchio pare restringersi notevolmente. Per quanto riguarda il ds, Guido Angelozzi ha staccato nettamente Nicola Salerno, ormai uscito di scena, mentre Ivone De Franceschi pare l’alternativa più credibile. Per quel che riguarda, invece, la panchina, la scelta sembra essere ristretta a uno fra Domenico Di Carlo e Giuseppe Iachini, entrambi graditi a Cestaro (innamorato calcisticamente da tempo del secondo) e due fra i tecnici più apprezzati a livello di categoria. I primi passi da compiere riguardano le comproprietà e le opzioni da esercitare. Con il Chievo si sta discutendo di Farias e Silvestri, ma ci sono anche altri nomi sul piatto della bilancia, come Viotti e Farkas. Sono tanti i giocatori per cui si attendono notizie a breve. Il 17 e il 19 giugno potranno essere esercitate le opzioni sui giocatori in prestito, con le contropzioni tra il 20 e il 22, discorso che interessa, oltre a Silvestri e Farias, anche Rispoli, Piccinni, Ze Eduardo, De Vitis, Viviani e Babacar. Di questi al momento forse soltanto Piccinni e Rispoli (peraltro cercato anche dal Pescara) hanno qualche chance di essere confermati. Farias è cercato con insistenza dall’Udinese, ma anche Bologna e Sampdoria ci stanno facendo più di un pensierino. De Vitis e Viviani verranno rispediti al mittente, così come Babacar, che ha scarsissime se non nulle possibilità di essere confermato. Per quanto riguarda le voci in entrata, nonostante non ci siano ancora un direttore sportivo e un allenatore, circola con insistenza il nome di Mirko Antenucci, reduce da una stagione non brillante a La Spezia, ma con grande voglia di riscatto dopo essere tornato a Catania. Bonazzoli vuole rimanere, l’opzione di rinnovo scadeva ieri, ma il centravanti di Asola ha messo Padova in cima alla sua personale lista di preferenze.

Ore 08.30 – Domenica prossima 16 giugno si chiude anche il campionato di Lega Pro: occhi puntati sul ritorno delle due finali playoff promozione di prima divisione Carpi-Lecce e Latina-Pisa. All’andata il Carpi ha vinto 1-0, reti bianche nell’altro match

Ore 08.27 – Marcello Cestaro in azione. Dietro il più stretto riserbo si tratta ancora con i Vecchiato, che potrebbero decidere di entrare in società con il 40% delle quote. Ma ancora molti passi devono essere compiuti e, almeno per il momento, prevale la prudenza. Situazione da seguire con estrema attenzione

E’ successo, 10 giugno: riallacciati nel weekend i contatti fra Cestaro e i Vecchiato. Si tratta ancora, anche se dietro le quinte prevale la prudenza. Entro giovedì si dovrebbe arrivare a una decisione, in un senso o nell’altro.

Print Friendly