Calcio a cinque, domani la Luparense contro il Cisternino per ripartire: “Voltiamo pagina in fretta”


Domani, davanti agli occhi della Luparense, ci saranno i giocatori del Block Stem Cisterino, ma la sfida che chiuderà l’undicesima giornata di Serie A avrà un avversario in più, un avversario scomodo: i fantasmi della Uefa Futsal Cup e dell’Eto Gyor che vanno prontamente scacciati.

Sul più bello ci si è svegliati da un sogno che si è trasformato in un incubo dai sentimenti aspri e contrastanti: incredulità, dispiacere, rabbia, sconforto e delusione. E’ servito un po’ di tempo per mettere ordine e ritornare alla “normalità”. David Marin ritorna sull’Elite Round:

«La sconfitta è stata dura, è crudele uscire così. E’ evidente: nella partita più imporante abbiamo sbagliato di più. Mancava poco, davvero poco, poi è diventato tutto nero. Ci è mancato Ramon che stava disputando un ottimo torneo, un’assenza non solo per il suo valore ma anche per i minuti di gioco che potevano esserci utili per far rifiatere qualche altro giocatore. Ma non è una questione di chi c’era o non c’era: non è nella nostra consuetudine concedere sei gol in una partita»
Bisogna guardare avanti, si deve guardare oltre perché la stagione è ancora lunga e ricca di emozioni che si possono ancora vivere con tutta la squadra e i tifosi. La trasferta in Puglia si carica, dunque, di grinta e della voglia da parte della Luparense e di David Marin di riprendere la corsa in Serie A:

«Siamo maturi per capire che dobbiamo voltare pagina e concentrarci su tutti i fronti nei quali dobbiamo dire la nostra: ricordiamoci che giochiamo la Serie A, dobbiamo qualificarci per la Coppa Italia, abbiamo la Supercoppa italiana. Ma bisogna fare un passo alla volta e il prossimo step è la trasferta a Cisternino contro una squadra che, lo dicono i numeri e le prestazioni in campo, soprattutto al PalaWojtyla da e darà filo da torcere a tutti»
L’impegno promesso e richiesto da David Marin e da tutta la squadra si carica di una responsabilità in più: resistuire il sorriso e la gratitudine ai tifosi che, legati visceralmente da una passione infinita, hanno seguito la Luparense anche nella trasferta europea in Ungheria:

«Abbiamo sognato e pianto tutti assieme ed è stato bello ed emozionante. Ai tifosi non posso che dire grazie per la tanta forza che sanno trasmettere che sia a San Martino di Lupari, a Padova o a Gyor. Loro si meritavano un’altra trasferta, loro sono tifosi da Final Four. Ora proviamo a riportare l’allegria»
La squadra, che si è regolarmente allenata ieri e oggi, partirà questa sera per atterrare a Bari per le 23.00. Betao riposerà, mentre tutti gli altri giocatori sono a disposizione dell’allenatore Marin che valuterà fino all’ultimo se fare qualche cambio per far rifiatare alcuni giocatori più stanchi dopo la “tre giorni” di Elite Round.

Fischio di inizio ore 20.45

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Staff Padova Goal

Controlla anche

Volley, mission impossible per la Kioene: domani a Civitanova per battere la Lube!

Lasciata alle spalle la sconfitta con Milano, per la Kioene Padova è tempo di tornare …

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com