Editoriale

Per il primo posto c’è (quasi) tutto: ecco cosa manca

Bollettino domenicale da Salò: Padova in salute, qualità del gioco in ulteriore crescita, singoli in grado di fare la differenza. Tutto bene, dunque? Fino a un certo punto, nel senso che le cifre raramente mentono. E raccontano che, dopo dieci giornate, Alessandro Capello ha segnato sì ben sei gol, mostrando una presenza costante sottoporta e qualità tecniche sopra la media. …

Continua a leggere

Vittoria chiave, margini di miglioramento ancora evidenti: ora il filotto

Se lo scorso anno il ko di San Benedetto del Tronto, netto nella forma e nella sostanza, aveva fatto precipitare le quote Padova al mercato azionario della corsa alla Serie B, quest’anno è accaduto esattamente l’opposto. Un dato su tutti: su quel campo si doveva sfatare un vero e proprio tabù e lo si è fatto con un colpo di …

Continua a leggere

Due botti finali che possono cambiare il senso di una stagione

Non so se il Padova sia davvero la squadra più forte del girone. Di una cosa, però, sono certo: la squadra costruita da Giorgio Zamuner fra mille difficoltà dopo il cambio alla guida tecnica ha tutte le carte in regola per giocarsi fino alla fine il primo posto. Con chi? Al momento, come tanti altri addetti ai lavori, non vedo …

Continua a leggere

Manca ancora qualcosa: ma l’inizio è già una sentenza

Impressioni di inizio agosto. Se i gironi saranno quelli dello scorso anno, senza Alessandria, Pisa o Trapani, il Padova può giocarsi senza problemi le proprie carte per il primo posto. Le rivali più accreditate ad oggi sono Reggiana e Feralpisalò, il Pordenone ha perso tutti i migliori tranne Burrai e Misuraca e perderà anche Suciu, ha cambiato allenatore e l’eredità …

Continua a leggere

Doppia mossa

Ricordate il vecchio gioco da tavolo Scotland Yard? Per chi ci si è cimentato, non sarà difficile ricordare quando Mister X con le spalle al muro riusciva a ribaltare una situazione compromessa estraendo da sotto il tabellone la carta rossa con scritto sopra “2x”: doppia mossa. Eccola, la doppia mossa di Giorgio Zamuner, che mette fine a una lunghissima attesa …

Continua a leggere

Grazie

Non è l’anno zero ma è come se lo fosse. Siamo a inizio giugno e a Padova abbiamo già una direzione chiara: un nuovo presidente, un organigramma chiaro e un direttore generale confermato, una mossa che condivido pienamente. La svolta è stata storica, perché il ridimensionamento delle quote azionarie in possesso di Giuseppe Bergamin e l’uscita di scena di Massimo …

Continua a leggere

La tentazione di un hard reset

Ho voluto dormici sopra una notte, perché il finale di stagione è stato quanto di peggio si potesse immaginare. Brutto, indegno, imbarazzante, persino offensivo rispetto a chi ha tifato e seguito per un’intera stagione la squadra, tenendo sempre la barra dritta senza mai abbandonarla neppure nel momento di difficoltà. A pensarci bene, i segnali c’erano, ma ho sperato che fossero …

Continua a leggere

Padova, non solo Neto: una certezza per i playoff c’è, segna sempre Altinier (senza rigori)

Non voglio soffermarmi troppo sulle quattro sconfitte consecutive del Padova e sul pareggio con l’Ancona. Per tirare giudizi stroncanti aspetto i playoff, anche se la mia idea me la sono fatta e la dirò a fine stagione. Parlerò di un altro aspetto. Della classifica marcatori del girone B della Lega Pro: Mancuso 21 gol con sei rigori, Arma 17 con …

Continua a leggere

La festa (altrui), la benzina che finisce, i playoff

Una scena che, da queste parti, si è già vista più di una volta: un avversario che arriva all’Euganeo e che, di fatto, festeggia la promozione davanti al pubblico padovano. D’accordo, non è ancora né ufficiale, né matematico, ma la promozione in Serie B è ormai cosa fatta per il Venezia, cui manca solo un punto per celebrare la seconda …

Continua a leggere

La cicala e le formiche

Vedendo, settimana dopo settimana, il lavoro di Giuseppe Bergamin e di Roberto Bonetto regalare i meritati frutti (e chissà come andrà a finire…), mi viene in mente la favola di Esopo (o il riadattamento di La Fontaine) “La cicala e la formica”. Mettiamoci pure il plurale nel secondo caso, considerato che di formiche in questo caso ce ne sono due, …

Continua a leggere

L’occasione mancata

Ho voluto attendere per scrivere questo editoriale, perché ho cercato di informarmi, di capire, di ragionare a mente fredda. Perché la Coppa Italia, nella mia testa, così come nella testa di tanti tifosi, avrebbe dovuto essere una priorità assoluta, soprattutto arrivati a questo punto della manifestazione. Occhio, perché in 107 anni di storia non è che di trofei se ne …

Continua a leggere

Giusto farsi sentire: e moviola in campo unica soluzione

Ogni minuto di ritardo all’utilizzo della moviola in campo, lo penso da tempo, sarà come aver ucciso lentamente questo sport. Di casi come quello di ieri in Reggiana-Padova, purtroppo, è piena l’Italia, dalla Serie A alla Lega Pro: quest’anno ad esempio, è successa una cosa simile a quella di ieri in Gubbio – Forlì, in Serie A (vado a memoria) …

Continua a leggere

La lunga corsa e il dito di Alfageme….

Sarà ancora lunga, molto lunga. Le possibilità di un clamoroso doppio sorpasso su Venezia e Parma non sono elevate, ma il segnale arrivato ieri da Mantova è di quelli importanti. In chiave primo posto il Padova batte un colpo pesantissimo: 1-0 che vale platino, bis di quanto accaduto a Macerata e in tempi recenti in casa contro la Sambenedettese. Se …

Continua a leggere

Strategia e logica, un mercato impeccabile: con la ciliegina sulla torta sarebbe da 10

Ogni tanto mi fermo a pensare quanto sia cambiato il Padova rispetto agli eccessi dell’era Cestaro (i cui effetti il tempo ha dimostrato quanto fossero dirompenti e distruttivi, meglio non dimenticarselo mai). Oggi ci sono due soci che hanno disponibilità economiche inferiori, ma che hanno saputo scegliere (non senza difficoltà) una figura di direttore generale capace di mediare fra le diverse …

Continua a leggere

Decollo

Chi ama il calcio non può non essersi entusiasmato di fronte allo spettacolo del derby Venezia-Padova. Uno spettacolo impagabile sugli spalti, con il Penzo riempito da quasi 7000 spettatori, dato che in laguna non si vedeva da tempo. E’ stato bellissimo viverlo di persona, assistere allo show delle due curve che si sono date battaglie a suon di cori e sfottò …

Continua a leggere

Plebiscito, Brevi e dintorni

Novembre storicamente è sempre stato un mese difficile per Padova e per il Padova. Risultati che scarseggiano, esoneri a raffica, inghippi di ogni tipo, depressione più cupa in mezzo alla nebbia. Sfogliando le pagine dell’album dei ricordi si trovano tantissime situazioni tutt’altro che entusiasmanti per il biancoscudo e anche quest’anno il mese è cominciato nel peggiore dei modi su tutti …

Continua a leggere

Puntata al buio

Innanzitutto una premessa: dispiace e fa male vedere ancora una volta il Padova ridotto in queste condizioni. Dispiace anche vedere tanti insulti e offese a chi comunque ha fatto rinascere questa società dalle ceneri, un malvezzo acuito dall’uso che si fa dei social network, vero e proprio sfogatoio rispetto a tante chiacchiere che una volta rimanevano confinate fra quattro mura …

Continua a leggere

Falsa partenza: ora è veramente dura

C’era un solo modo per Oscar Brevi per scavalcare il filo spinato senza ferirsi: partire bene. Lo sostenevo nel penultimo editoriale, condizione sine qua non per evitare la trappola perfetta fatta di scetticismo e fucili puntati disseminati lungo la prima parte del suo percorso. Avesse vinto ieri con la Maceratese, anche senza brillare, Brevi si sarebbe scrollato di dosso due fantasmi: …

Continua a leggere

Tacopina, viva il derby, viva gli sfottò: questo è il calcio che mi piace

So che in molti non saranno d’accordo, ma non ho problemi a esprimere la mia opinione, anche se non rispecchia quella della maggioranza dei tifosi. Joe Tacopina con il suo “We’ll kick Padova’s ass” non ha offeso nessuno, basta conoscere lo slang americano per comprendere quello che sto cercando di spiegare. Se Tacopina dice, con un linguaggio un po’ colorito …

Continua a leggere

Campo minato

Come e quanto in fretta possano cambiare gli umori della tifoseria lo stiamo capendo in queste settimane di agosto che conducono all’inizio della nuova stagione. Eravamo partiti a giugno col pessimismo più cupo, poi faticosamente rimpiazzato da un moderato ottimismo dopo la campagna acquisti convincente condotta da Giorgio Zamuner. Poi ancora ecco la sconfitta ai rigori col Seregno, impietosa ma …

Continua a leggere
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com