Padova-Pro Vercelli, l’analisi e le pagelle de “Il Mattino di Padova”

Condividi

“Contava un solo risultato, la vittoria, e i 3 punti sono arrivati. Ma non è stata una partita esaltante da parte del Padova contro una Pro Vercelli orfana di sei giocatori, fra cui i due portieri e con un diciannovenne all’esordio fra i pali, e che per diversi tratti ha avuto il pallino del gioco in mano. Una prestazione, diciamolo pure, da minimo sindacale, che ad un certo punto della ripresa ha scontentato parte del pubblico della tribuna ovest, giunto a fischiare e brontolare all’indirizzo di Pavanel, colpevole di non aver effettuato ancora le sostituzioni. Eppure, i numeri sono tutti dalla parte del tecnico di Portogruaro e dei suoi giocatori: dopo 15 giornate – manca sempre una gara al conto complessivo – i biancoscudati hanno 33 punti, tre in più della scorsa stagione, quando, come oggi, a comandare la classifica era il Sudtirol (32 contro 30), con Perugia e Modena dietro (appaiati a 27). Sono dunque gli altoatesini, che hanno toccato, con il blitz di Lecco, quota 40, a correre più forte di 12 mesi fa, con 12 successi su 16 incontri, più 4 pareggi all’attivo e nessuna sconfitta. Tanto di cappello alla squadra di Javorcic, sta tenendo un’andatura pazzesca”: questo l’incipit dell’analisi di Padova-Pro Vercelli apparsa sulle colonne de “Il Mattino di Padova”.

 

Le pagelle Biancoscudate (Mattino di Padova): Donnarumma 6; Germano 6.5 (Kirwan sv), Pelagatti 6, Monaco 6, Curcio 6.5 (Gasbarro sv); Busellato 6 (Settembrini sv), Ronaldo 6.5, Della Latta 6.5; Chiricò 6 (Terrani 6), Ceravolo 6 (Cissé sv), Jelenic 6.5.



Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com