Montebelluna – Campodarsego, Fonti: “Mi aspetto che Kabine, Aliù e Pietribiasi si sblocchino”


Montebelluna-Campodarsego: la vigilia.
Per la quarta giornata del girone C di Serie D, domani alle 15.30 il Campodarsego è atteso alla trasferta sul campo del Montebelluna. Sfida dalle grandi emozioni per il tecnico Gianfranco Fonti, che nelle ultime due stagioni ha seduto proprio sulla anchina dei trevigiani conducendoli due volte ad una sofferta salvezza. Domani, però, non ci sarà spazio per i sentimentalismi: i biancorossi vogliono i tre punti, e faranno di tutto per condurre in porto la gara. Queste le dichiarazioni dell’allenatore alla vigilia dell’appuntamento.
Sulla sfida da ex: “Torno al cospetto di un grande club, che mi ha sempre sostenuto anche nei momenti di difficoltà che abbiamo incontrato. Eravamo una squadra giovane, con ragazzi di valore ma che hanno però bisogno di tempo per crescere. Brombal è un ottimo presidente, lo ricordo con grande affetto, ma adesso penso solo al Campodarsego”.
Sul Montebelluna: “Hanno tre punti in classifica, ma gliene mancano almeno due per le partite che hanno fatto in questo inizio di stagione, e che credo non meritassero di perdere. Sarà una partita complicata, la vittoria a Mantova avrà sicuramente dato loro grande autostima e fiducia, da parte del Montebelluna mi aspetto una partita importante ma noi cercheremo sicuramente di fare il nostro dovere”.
Sulla partita: “Si gioca a carte scoperte: io conosco le loro individualità, loro il mio modo di giocare. Dovremo far bene, cercare di limitare i loro punti di forza e individuare gli spazi per far male. Sarà una gara molto tattica, ma se vogliamo essere una squadra di vertice domani dobbiamo dimostrarlo con una grande prestazione. Probabilmente saremo noi chiamati a fare la partita, ma attenzione chè quest’anno il Montebelluna ha diverse frecce al suo arco, tanti giovani ma già pronti per questa categoria”.
Sulla squadra: “La squadra sta bene, vedo grande convinzione ma sappiamo che non sarà una gara facile. Il Montebelluna ha però sei o sette giocatori di grande esperienza, un portiere che ha fatto la Serie C e giovani già svezzati: Del Monte, Pettinà, Zago. Per giocare lì ci serve davvero una grande partita”.
Sui numeri dell’attacco: “Sinora abbiamo segnato cinque gol, e quattro di questi sono nati da calcio piazzato: i tre di Beccaro, e quello di Radrezza a Chioggia. In questo momento forse abbiamo un po’ di sofferenza negli attaccanti, ma credo debbano solo sbloccarsi: le occasioni le creiamo, e per diverse ragioni fino ad ora non siamo riusciti a sfruttarle, ma non si tratta di una nostra carenza oggettiva nella manovra offensiva. Mi aspetto che prima o dopo Kabine, Aliù e Pietribiasi si sblocchino, perché questo potrebbe cambiare il nostro modo di fare gioco”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Staff Padova Goal

Controlla anche

Serie D, crolla ancora il Campodarsego: ne prende cinque a Belluno, ancora cartellini e nervosismo!

Seconda sconfitta consecutiva per il Campodarsego, che cade al “Polisportivo” di Belluno. In inferiorità numerica …

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com