Abano, De Mozzi: “Bisogna cambiare registro a livello di mentalità, vedo un po’ di appagamento. E ci serve…”

Condividi

L’ingaggio di un centrocampista, e occhio a eventuali sorprese in attacco. È in continua evoluzione la situazione di mercato in casa Abano, che dopo aver già ufficializzato i giovani Rampin e Cartura, pensa ad almeno un innesto di spessore in mezzo al campo. «Abbiamo quattro centrocampisti, e giochiamo con tre. La squadra ha bisogno di un rinforzo», spiega Massimiliano De Mozzi. Con i neroverdi si sta allenando Creati, classe 1988 ex Mantova, a segno sabato nel test con la Piovese. «Sarebbe un giocatore importante per noi, vediamo se si può fare l’operazione quando il presidente rientra in Italia». Ma sotto osservazione è anche il reparto avanzato. «Non so se siamo a posto così. Bisogna cambiare registro a livello di mentalità, vedo un po’ di appagamento. In tutta tranquillità valuteremo se è il caso di andare avanti o meno insieme per il bene della società e dei ragazzi, devono darmi messaggi diversi». Destinatari delle parole del tecnico sono Barichello, Bortolotto e Munarini. Capitolo diverso per l’argentino Pereira, per il quale l’iter burocratico al fine di un tesseramento sembra andare per le lunghe. «È un giocatore che possiede qualità, ma il problema è che ci vuole tempo». Sabato la squadra si è imposta 3-2 con la Piovese. «È stato un buon test, nel quale abbiamo fatto molto bene nel primo tempo con molti giovani in campo. Il secondo tempo invece non mi è piaciuto, non c’è stato lo stesso spirito: se non ci si mette entusiasmo e gioia di giocare e di lottare per i compagni, questo non mi va giù. Dai giocatori più esperti mi aspetto anche un aiuto con i giovani». Mercoledì alle 16 amichevole con il Legnago a Torreglia, sabato test con il Giorgione a Casalserugo.

(Fonte: Gazzettino)

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com