Atletica, ecco il nuovo Colbachini: 1,8 milioni di euro la spesa complessiva

Condividi

Vi proponiamo la relazione generale e il progetto esecutivo del Comune di Padova che trasformerà lo stadio Colbachini in un nuovissimo complesso dedicato alle grandi competizioni dell’atletica leggera: 1,8 milioni la spesa prevista per il rifacimento dell’impianto ubicato in Zona Arcella

R E L A Z I O N E G E N E R A L E

plebiscito prospettivaIl complesso sportivo dell’Arcella, Piazzale Azzurri d’Italia, rappresenta una delle più importanti e storiche realtà sportive regionali, e lo Stadio di Atletica “Daciano Colbachini” costituisce il nucleo più antico per la pratica delle discipline sportive dell’Atletica Leggera, con un bacino di utenza a livello regionale.

L’impianto venne edificato nel 1928 ed inaugurato l’anno successivo con la denominazione di “Stadio Littorio”.

Nel dopoguerra venne popolarmente identificato come “Stadio Arcella”, ed in anni più recenti venne intitolato all’imprenditore ed Olimpionico Patavino Daciano Colbachini.

L’atleta Colbachini correva i 110 ostacoli e partecipò, non ancora diciannovenne, alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912, giungendo alle semifinali. Alle successive Olimpiadi di Anversa del 1920 Colbachini arrivò da primatista europeo, ma ugualmente non andò oltre le semifinali a causa di una contrattura muscolare.

Dal 1956 al 1978 lo Stadio fu campo ufficiale di gioco della squadra di Rugby “Fiamme Oro Padova”, che inanellò in quegli anni ben cinque scudetti e 4 Coppe Italia, dal 1957 al 1968; poi la squadra venne sciolta.

Successivamente l’impianto sportivo ospitò, dal 1987 al 1993, il Meeting “Città di Padova” di Atletica Leggera, che dal 1994 passò allo Stadio Euganeo.

Durante il meeting del 1992, 30 agosto, l’ucraino Serhij Nazarovyč Bubka stabilì su questo impianto il suo terz’ultimo record mondiale di salto con l’asta con la misura di m 6,12; due anni dopo si sarebbe fermato a m 6,14, resistendo tale record mondiale ancora per un ventennio sino all’attuale record di m 6,16.

Nel corso degli anni più recenti, l’impianto sportivo è stato sede di allenamenti e gare di Atleti di alto livello quali Evangelisti, Levorato, Longo, Martinez, Chiara Rosa, Volpato ed altri.

L’intervento più recente di sistemazione dello Stadio “D. Colbachini” è avvenuto nel 2007-2008, ed ha comportato il rifacimento completo della pista di Atletica comprese le pedane di salto e lancio, oltre alla sistemazione e restauro delle tribuna storica dello Stadio, posta sul lato sud-est dell’impianto, che attualmente ospita all’interno vari spazi utilizzati, oltre che per servizi, anche per molteplici discipline – Boxe, Pesistica, Ginnastica – ed è vincolata dalla Sovrintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali del Veneto per il suo significativo esempio di architettura sportiva.

Tale intervento ha comportato anche la riqualificazione della struttura per l’atletica indoor – costruita nel 1993 sul lato corto sud-ovest dell’impianto – comprendente una pista da m. 50 a 6 corsie, una zona per il salto in alto e con l’asta, nonché una fossa per il salto in lungo.

Nello scorso mese di settembre si è provveduto ad elaborare lo Studio di Fattibilità per l’”Ampliamento e Sistemazione dello Stadio per l’Atletica Leggera – D. Colbachini”.

Tale studio prevede il completo rifacimento della Pista di Atletica, che verrà ampliata ad 8 corsie, e delle pedane per lanci e salti, nel rispetto delle più recenti normative internazionali IAAF.

Esso prevede inoltre la costruzione di una nuova gradinata sul lato nord-ovest dell’impianto sportivo con una capienza di oltre 1500 spettatori, con servizi per il pubblico su entrambi i lati della nuova gradinata: sul lato ovest con edificazione ex-novo, e sul lato est con ristrutturazione dell’attuale corpo di fabbrica destinato a biglietteria e magazzino.

Lo studio di fattibilità comprende infine ulteriori opere riguardanti gli impianti tecnologici di illuminazione ed audio; la sistemazione della tribuna storica esistente, con riorganizzazione anche degli spazi interni; le sistemazioni esterne quali accessi e percorsi per il pubblico; recinzioni e sistemazioni aree verdi; impianti tecnologici complementari e predisposizioni.

E’ previsto il mantenimento dell’attuale impianto indoor, già descritto in precedenza, ubicato lungo il lato corto sud-ovest dello Stadio; tale struttura non sarà oggetto di alcun intervento.

Lo studio di fattibilità è stato approvato con Determinazione n. 2015/90/166 del 01 luglio 2015.

Si procede ora ad elaborare, pertanto, il Progetto Definitivo, come da indicazioni del Responsabile Unico del Procedimento del Comune di Padova, integrato con gli elaborati previsti dal comma 3 – articolo 24, del D.P.R. 207/2010, per la gara ai sensi dell’art. 52, comma 2, lettera b), del D. Lgs. 163/2006.

Il Progetto Definitivo riprende sostanzialmente i contenuti dello studio di fattibilità precedentemente elaborato.

Viene infatti previsto il completo rifacimento della pista di atletica che verrà ampliata ad 8 corsie, e delle pedane per lanci e salti, nel rispetto delle più recenti normative internazionali IAAF.

Viene prevista inoltre la costruzione di una nuova gradinata sul lato nord-ovest dell’impianto sportivo con una capienza di oltre 2000 spettatori, con servizi per il pubblico su entrambi i lati della nuova gradinata: sul lato ovest con edificazione ex-novo, e sul lato est con ristrutturazione dell’attuale corpo di fabbrica destinato a biglietteria e magazzino.

Ulteriori opere previste riguarderanno gli impianti tecnologici di illuminazione ed audio, la sistemazione della tribuna storica esistente, con riorganizzazione anche degli spazi interni, le sistemazioni esterne quali accessi e percorsi per il pubblico, recinzioni e sistemazioni aree verdi, impianti tecnologici complementari e predisposizioni.

Viene mantenuto l’attuale impianto indoor, già descritto in precedenza, ubicato lungo il lato corto sud-ovest dello Stadio.

In particolare il rifacimento completo della Pista di Atletica, nonché delle pedane per salti e lanci, comporta la totale demolizione dell’attuale pista a 6 corsie e delle pedane esistenti.

Tale demolizione comprenderà il lievo della pavimentazione sportiva esistente e dei relativi sottofondi, oltre alla demolizione dei manufatti della pista e delle pedane esistenti, con smaltimento del materiale di risulta alle discariche.

Il rifacimento della pista di atletica leggera a 8 corsie comprende scavi di sbancamento, con sistemazione del fondo cassonetti; formazione di sottofondi in materiale misto granulare e stabilizzato di finitura; formazione di canalette per raccolta e smaltimento acque meteoriche; cordoli esterni ed interni fissi e amovibili; formazione di strato drenante binder e di tappeto in pietrischetto bituminoso; pavimentazione in gomma sintetica prefabbricata, o tipo sandwich colato in opera seminato, drenante o non, completa di segnaletica e targhette a norma FIDAL/IAAF.

Le pedane per lanci e salti comprenderanno scavo di sbancamento per formazione cassonetti; cordonature perimetrali; costruzione pedane per getto del peso e lanci del disco, martello e giavellotto, nonché per salti con fosse di caduta per salti in lungo e triplo, oltre ai 3000 siepi; formazione di strato drenante binder e di tappeto in pietrischetto bituminoso; pavimentazione in gomma sintetica prefabbricata, o tipo sandwich colato in opera seminato, drenante o non, completa di segnaletica e targhette a norma FIDAL/IAAF; fornitura e posa di gabbia per lanci e kit di attrezzature per lo svolgimento dell’attività sportiva agonistica.

Le nuove gradinate per il pubblico, previste sul lato nord-ovest dell’impianto sportivo, la cui capienza verrà portata ad oltre 2.000 spettatori, verranno eseguite con gradoni a struttura prefabbricata in calcestruzzo precompresso, previo scavo di sbancamento ed a sezione obbligata e formazione di fondazioni e struttura in elevazione in calcestruzzo armato e muratura. Le gradinate saranno complete di opere metalliche, sigillature e scale di smistamento.

I settori centrali delle nuove gradinate saranno maggiormente elevati rispetto ai settori laterali est ed ovest, mentre ulteriori due piccoli settori, separati dal corpo principale delle gradinate, verranno ubicati in prossimità dell’impianto indoor ad ovest, nonché della recinzione su Piazzale Azzurri d’Italia ad est.

I servizi igienici per il pubblico saranno posizionati su entrambi i lati della nuova gradinata. Sul lato ovest essi verranno edificati ex-novo, in aderenza al settore delle gradinate separato dal corpo principale, a ridosso della struttura indoor esistente; essi saranno costituiti da sottofondo con materiale arido e massetti in calcestruzzo con rete elettrosaldata; murature in blocchi tipo “Leca”; tramezzature interne e solaio di copertura tipo “predalles”; pavimenti e rivestimenti, intonaci e tinteggiature, serramenti in alluminio; impianti elettrici e meccanici, scarichi, condotte fognarie ed allacciamenti.

Un ulteriore corpo di fabbrica edificato in aderenza al settore delle gradinate, separate dal corpo principale, a ridosso della recinzione est dello stadio, in affaccio su piazzale Azzurri d’Italia, verrà destinato a nuova biglietteria e/o pronto soccorso per il pubblico, oltre a zona distributori automatici – ristoro.

Per quanto riguarda gli impianti tecnologici, si prevede la formazione di idoneo impianto di illuminazione dell’intero campo di gare, in conformità a quanto previsto dalla tabella B – livello 2 – Delibera CONI 1379/08, per un illuminamento medio sul piano orizzontale di 300 lux ed uniformità Emin/Eav > 0,6. conforme alle normative FIDAL/IAAF vigenti in materia. Gli apparecchi illuminanti previsti saranno proiettori asimmetrici per lampade agli ioduri metallici da 2000W ad arco lungo; l’impianto di illuminazione sarà realizzato nel pieno rispetto della Legge Regionale n. 17 del 07/08/2009, “Nuove norme per il contenimento dell’inquinamento luminoso, il risparmio energetico nell’illuminazione per esterni e per la tutela dell’ambiente e dell’attività svolta dagli osservatori astronomici” e successive modifiche, integrazioni ed ulteriori disposizioni.

E’ prevista inoltre l’illuminazione dei percorsi e delle nuove gradinate, nonché dei nuovi servizi e magazzini. Verrà inoltre predisposto l’impianto audio per le manifestazioni sportive e verranno attrezzati punti di allaccio elettrico e dati, all’interno e/o perimetralmente alla pista di atletica, per l’utilizzo da parte dei giudici di gara, cronometristi, fotofinish, telecamere ed altro. Sarà infine previsto un impianto wi-fi per gli spettatori, che permetterà durante le manifestazioni sportive, di avere un programma dettagliato delle gare, e per ogni gara, informazioni tecniche e conoscitive specifiche.

È prevista la ristrutturazione e riorganizzazione degli spazi interni sotto tribuna esistente che, come già sottolineato è vincolata dalla Sovrintendenza ai Beni Architettonici ed Ambientali del Veneto.

Tale riorganizzazione recepisce, per quanto possibile compatibilmente con gli spazi disponibili, quanto dettato dall’art. 14.2 della recente Circolare FIDAL del 2015.

Le gradinate laterali scoperte della tribuna esistente verranno attrezzate con seggiolini a norma di legge, come per i gradoni centrali coperti.

Verrà predisposta l’irrigazione automatica delle aree a verde dell’impianto sportivo, oltre agli impianti tecnologici di emergenza e sicurezza; ulteriori lavori di completamento e finitura riguarderanno i nuovi accessi per il pubblico, i percorsi pavimentati di distribuzione e sosta del pubblico, le recinzioni ed i separatori interni, la sistemazione delle aree a verde interne con eventuali porzioni in erba sintetica, ed esterne con eventuali nuove piantumazioni; saranno ricavati spazi per magazzini e depositi, sotto la nuova gradinata lungo il lato nord dell’impianto sportivo.

Come evidenziato nello studio di fattibilità, viene mantenuto tale l’impianto indoor esistente, già descritto in precedenza, ubicato lungo il lato corto sud-ovest dello stadio.

Tutte le opere previste nell’intervento di riorganizzazione ed ampliamento dell’impianto sportivo saranno completamente accessibili e fruibili da parte di utenti diversamente abili, in base alle vigenti norme in materia di eliminazione delle barriere architettoniche.

La conformazione del terreno è stata determinata sulla base di prove penetrometriche preliminari eseguite in loco.

Si è pertanto provveduto alle calcolazioni preliminari delle strutture di fondazione ed in elevazione, che vengono allegate negli elaborati “Relazioni Tecniche-Specialistiche” e “Calcoli delle Strutture”, con relativi elaborati metrici estimativi, nonché elaborati grafici di progetto.

Anche per quanto riguarda gli impianti elettrici ed idro-termo-sanitari, si è provveduto ad uno studio preliminare, con relativi elaborati grafici e relazioni tecniche che vengono ugualmente allegate negli elaborati “Relazioni Tecniche Specialistiche” e “Calcoli degli Impianti”.

Per quanto riguarda i prezzi unitari applicati, che generalmente risultano corrispondere a lavorazioni molteplici, composite e specifiche per le opere specialistiche progettate, essi sono stati ottenuti, ai sensi dell’art. 32, commi 1 e 2, del Regolamento di cui al D.P.R. 207/2010 e s.m.i., utilizzando, sommando e/o componendo sostanzialmente i prezzi unitari di base dei Prezziari vigenti nell’area interessata dall’appalto e/o Regionali, ove reperiti e conformi, oppure elaborando le Analisi dei Prezzi utilizzate per i Prezziari correnti già citati.

Il Progetto dovrà acquisire i pareri obbligatori e le autorizzazioni previste, in relazione alla situazione dei vincoli e alla natura delle opere; dovrà altresì essere approvato dall’Amministrazione Comunale di Padova.

Il costo dell’intervento risulta preventivamente determinato in € 1.800.000,00 (eurounmilioneottocentomila/00), così suddivisi:

QUADRO ECONOMICO

A) L A V O R I a corpo e misura

A1

Pista di Atletica Leggera e Pedane
vedi allegato 15

699.506,50

A2

Opere Edili ed Affini
vedi allegato 15

198.451,56

A3

Impianto Illuminazione
vedi allegato 15

204.784,40

A4

Sistemazioni e Finiture
vedi allegato 15

72.257,54

Opere Strutturali
vedi allegato 31

315.000,00

SOMMANO

1.490.000,00

Oneri della sicurezza
vedi allegato 6

10.000,00

TOTALE LAVORI

1.500.000,00

B) SOMME A DISPOSIZIONE
della stazione appaltante
B.1) Incentivo Progettazione

22.500,00

B.2) Contributi Allacciamenti vari

10.000,00

B.3) Collaudazioni e omologazioni

15.000,00

B.4) Spese Tecniche

44.000,00

B.5) I. V. A. (e inarCassa)

161.827,20

B.6) Imprevisti e Accordi Bonari

46.672,80

TOTALE SOMME A DISPOSIZIONE

300.000,00

T O T A L E C O M P L E S S I V O

1.800.000,00

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Staff Padova Goal

Controlla anche

Verona, riparte il sogno chiamato Europa. E la Coppa Italia vinta dal Napoli..

Manca poco alla ripresa della serie A e il Verona è pronto a ricominciare a …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com