Serie C, anche il Carpi diffida la Lega Pro: “Sorteggio umiliante, si pensi piuttosto a….”

Condividi

Stefano Bonacini, patron del Carpi, ha inviato una diffida formale, come il Bari, alla Lega Pro. Il nodo del contendere la decisione di stabilire tramite sorteggio la quarta promossa in Serie B da parte del presidente Francesco Ghirelli, da sottoporre all’attenzione della Figc. Lo stesso Bonacini ha parlato a Il Resto del Carlino: “Prima di tutto penso che a decidere il futuro del calcio saranno il Consiglio Federale e la Figc, non le leghe, ma questo è il regolamento, non lo dico io. Il fatto che la maggior parte delle società di Lega Pro non volessero più giocare era un sentimento già noto dall’ultima conferenza in video call e mi chiedo che senso abbia l’assemblea del prossimo 4 maggio per far votare la gente su questo tipo di proposta. Io dico solo una cosa: io e gli altri presidenti mettiamo milioni, ci mandano giustamente la Covisoc per controllare se i nostri conti sono a posto, ci penalizzano, giustamente, se non paghiamo i giocatori. E poi tu cosa ti inventi? Il sorteggio? Tutto ciò lo trovo profondamente umiliante per uno che cerca di fare le cose per bene. E questo mi stupisce ancora di più pensando a tutto l’ottimo lavoro che ha fatto fin qui Ghirelli per ridare credibilità alla Lega Pro“.

Il numero uno della società emiliana avanza la sua proposta alternativa: “Invece del sorteggio, che non ha una linea logica, puoi proporre un playoff a quattro, sei o otto squadre, con la formula che uno vuole: si gioca mercoledì e domenica e si ha un verdetto dato dal campo, questo sì che un po’ di senso ce l’ha. Il sorteggio no, non lo puoi tirare fuori. Io comunque rispetto ogni idea, ma questa proprio non la condivido nella maniera più assoluta e la certezza è che l’ultima parola l’avrà solo il Consiglio Federale e la Federazione italiana giuoco calcio“.



Commenti

commenti

About Staff Padova Goal


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com