Chievo, adesso è davvero finita: il TAR del Lazio respinge il ricorso

Condividi

Le speranze sono finite. Stavolta in modo definitivo. Pessime notizie dal TAR del Lazio per il Chievo. È stato respinto il ricorso del club di Luca Campedelli contro l’esclusione dal campionato cadetto 2021-2022, confermando l’impostazione giuridica data prima dalla Covisoc, poi dalla FIGC e poi dal Collegio di Garanzia del CONI in sede di Giustizia Sportiva. A questo punto la società gialloblù viene esclusa dalla Serie B in modo definitivo e dovrà ripartire dai dilettanti. Il Cosenza è pronto a prenderne il posto nella prossima cadetteria. Il Chievo è pronto a tentare un ulteriore ricorso al Consiglio di Stato, ma la Figc arrivati a questo punto procederà alla definizione degli organici inserendo il Cosenza al posto del Chievo. Il TAR ha riconosciuto inadempienze tributarie nel periodo 2014-2018 non sanate, situazione all’origine della bocciatura. Il Chievo aveva presentato richiesta di sospensiva dopo i precedenti gradi di giudizio e la stessa Figc si è costituita per difendere le sue ragioni. La società adesso dovrà ripartire dai dilettanti, con conseguenze e prospettive tutte da valutare. Il parco giocatori si svincolerà nei prossimi giorni a parametro zero.

Commenti

commenti

About Staff Padova Goal


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com