Virtus Verona-Padova, l’analisi e le pagelle de “Il Mattino di Padova”

Condividi

“Meglio non parlare più di primo posto, ci si fa solo del male. Perché dall’ultima partita del girone d’andata è arrivato un altro 0 a 0, dopo quello casalingo con il Sudtirol, a ribadire che il Padova ha tante, troppe difficoltà ad imporsi su avversari oggettivamente inferiori e che la famosa e tanto invocata continuità di prestazioni, prima ancora che di risultati, è per ora un pio desiderio. Sì, è vero che dal 31 ottobre a ieri i biancoscudati hanno infilato una serie positiva di 8 gare senza sconfitte (4 vittorie e 4 pareggi), ed è altrettanto assodato che Pavanel vira la boa di metà campionato con lo stesso punteggio del predecessore Mandorlini, a quota 39, ma la sensazione trasmessa all’esterno anche dalla prova nel piccolo e stretto “Gavagnin” è quella di una squadra a cui manchi qualcosa, e che proprio come conseguenza di tali “difetti” non riesca a decollare verso la vetta. Ieri il Sudtirol, causa Covid, è rimasto al palo, e allora quale migliore occasione si profilava di rosicchiargli una parte del vantaggio che si ritrova, magari scendendo da – 6 a – 3? Invece niente, è uscita la sesta “X” del torneo, e l’opportunità è sfumata, visto che sono 5 le lunghezze che separano la capolista dai veneti, riagganciati al secondo posto dal Renate, ospite di Ronaldo & C. martedì sera all’Euganeo. Un risultato che ci sta tutto, perché i veronesi, che hanno subìto un solo ko (a Trento) in 12 giornate e sono meritatamente settimi, si sono rivelati tosti e combattivi nell’opporsi ai biancoscudati, e perché il Padova ha evidenziato i soliti limiti da… trasferta, primo fra tutti l’incapacità di costruire una manovra essenziale, pulita, concreta. Senza contare che in tutto l’arco della partita ha prodotto una sola palla-gol, con Cissé e Germano”: questo l’incipit dell’analisi di Virtus Verona-Padova apparsa sulle colonne de “Il Mattino di Padova”.

 

Le pagelle Biancoscudate (Mattino di Padova): Donnarumma 7; Kirwan 5.5 (Curcio 6), Pelagatti 5.5, Monaco 6, Gasbarro 6; Germano 5.5 (Chiricò 5.5), Saber 6 (Settembrini sv), Della Latta 5.5; Jelenic 5.5, Ceravolo 5 (Nicastro sv), Cissé 5 (Biasci 5.5).

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com