Padova-Albinoleffe, l’analisi dell’avversario: occhi puntati su Manconi

Condividi

Dopo l’impegno infrasettimanale di Coppa contro il Gubbio, il Padova si prepara alla prossima sfida in campionato contro l’Albinoleffe. I biancoscudati vogliono ritornare alla vittoria in campionato davanti al suo pubblico, l’appuntamento manca dal 17 settembre. La sconfitta contro la Pro Sesto non ha di certo aiutato la squadra biancoscudata che non riesce a rialzarsi dal momento buio che sta vivendo. Sicuramente la vittoria in Coppa ha riportato un po’ di fiducia, ma ora servono i tre punti per tenere il passo delle squadre al vertice.

L’Albinoleffe viaggia nella parte destra della classifica generale a solamente due punti dalla zona playout. Per il club lombardo l’obiettivo di questa stagione è rappresentato dalla salvezza e dopo un inizio negativo, la squadra guidata da Giuseppe Biava sembra vivere un buon momento. Il club bergamasco occupa il quindicesimo posto in classifica con 16 punti, frutto di 3 vittorie, 3 sconfitte e 7 pareggi. L’attuale media è di 17 reti segnate e 16 subite. Nelle ultime 5 giornate la squadra bluceleste ha registrato solamente una sconfitta, in casa con l’Arzignano, e ben 4 risultati utili consecutivi.

Il modulo utilizzato più di frequente dal tecnico Biava è il 3-5-2, alternato ad un 3-4-1-2 con il ballottaggio Francesco Gelli-Jacopo Gelli sulla trequarti, a sostegno della coppia d’attacco. A spiccare nella rosa dell’Albinoleffe è Jacopo Manconi che attualmente è il secondo miglior marcatore del Girone A dopo Ferrari del Vicenza e a pari merito con Bruschi della Pro Sesto.

La sfida di sabato pomeriggio all’Euganeo deve segnare una svolta per la squadra di Caneo dopo la brutta sconfitta di Sesto San Giovanni. Dal canto suo, l’Albinoleffe è in buona forma e darà sicuramente del filo da torcere ai biancoscudati.



Commenti

commenti

About Silvia Basso


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com