Padova-Union Ripa La Fenadora, le pagelle biancoscudate: altro giro altre piene sufficienze, che esordio per Amirante!


Petkovic 6.5: Due belle uscite, poi il problema fisico che lo costringe ad alzare bandiera bianca.

(Cicioni 6.5): Altrettante (se non di più) uscite provvidenziali, condita da una bellissima parata. Incolpevole sul gol.

Busetto 6.5: Ok, avrà anche sbagliato un paio di cose tra disimpegni e cross. Ma sono inezie in confronto all’egregio lavoro svolto in fase di copertura: contro di lui Mastellotto ha vita difficile (e non è certo il primo…). Ha anche il merito di salvare un gol sulla linea. Meglio di così…

Sentinelli 6: Subisce un’evitabile ammonizione ad inizio partita, ma non si fa certo intimorire. Anzi, continua a giocare a suo modo. Ovvero intervenendo con puntualità ma in maniera aggressiva, giusto per far capire che con lui non si scherza. Peccato solo per la troppa libertà lasciata a Ponik in occasione del gol della bandiera.

Niccolini 6.5: Le sue chiusure saranno anche meno “cattive”, ma sempre molto efficaci. E quando c’è da spazzare non ci pensa su due volte: palla in tribuna, e tanti saluti. Com’è giusto che sia. Prevenire è meglio che curare…

Degrassi 6: La sua gara rispecchia quella del suo “collega” Busetto. Perché si comporta a dovere quando c’è da tappare i buchi, facendo presto dimenticare le piccole imprecisioni compiute. Sul gol ospite si fa bruciare in velocità – insieme a Petrilli – da Dassié. Ma è più merito del numero 11 bellunese che demerito loro…

Segato 7: Strappa applausi a scena aperta con due cambi di campo di millimetrica precisione. Ed è solo una goccia nell’oceano di belle giocate dispensate dal centrocampista biancoscudato. Preziosissimo, come sempre.

Mazzocco 7: In quanto a tempi di inserimento non è secondo nessuno. E non sarebbe una notizia così clamorosa se non fosse per l’età. Perché se a 19 anni riesci a leggere la quasi totalità delle situazioni di gioco figuratevi quando avrà accumulato ancor più esperienza. Gli manca solo il gol.

Ilari 7.5: C’è un risultato da sbloccare? Chiedete pure aiuto a “Mister Assist”. Prima col suo destro pennella il cross da cui nasce l’1-0. Poi sale in cattedra: “coast to coast” di almeno 50 metri e pallone comodo comodo per Amirante. Sì, è davvero tornato l’esterno offensivo ammirato ad inizio stagione.

(Mattin 6.5): Non sempre imposta a dovere, ma quando lo fa di prima intenzione i cinquemila dell’Euganeo applaude di gusto.

Cunico 7.5: Se non è Re Mida, poco ci manca. E non parliamo solo della rete iniziale: ogni pallone che tocca si trasforma in oro per i compagni, che possono approfittare delle sue intuizioni. Mezzo voto in meno per l’errore sotto porta sull’1-0. Ma è una quisquilia…

Petrilli 7: Dimostra grande acume inventandosi la sponda di testa che porta al gol di Cunico. A stupire maggiormente, però, è la facilità con cui nove volte su dieci si libera del diretto avversario. Cala leggermente nella ripresa, ma per quanto dato nei primi 45 minuti è più che comprensibile.

Amirante 8: Avete presente l’emozione del debutto? Ecco, lui non ha minimamente idea di cosa sia. Tabellino canta: apre le personali danze con la rete decisiva (da + 1 al Fantacalcio) ai fini del risultato e guadagna la standing ovation con l’accoppiata sombrero-doppietta. E dimostra di avere i movimenti da grande attaccante. Che esordio…

(Pittarello 6.5): Bell’approccio, buona intesa.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli

Controlla anche

Padova, lo straordinario video di una partita dei Biancoscudati del 1918! La storia

Le vie di Internet, ormai si sa, sono infinite. Ma trovare un video che immortala …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com