Sotto l’albero la Lega Pro e…..

Condividi

Baci, abbracci, sorrisi e pacche sulle spalle. Il 2014 (che si era aperto come peggio non si poteva con dichiarazioni improntate alla tranquillità gestionale di personaggi inqualificabili nella loro disarmante pochezza umana e imprenditoriale mentre dietro le quinte si consumava il dramma) si chiude nel miglior modo possibile. Il Padova è crollato, si è sfracellato ma poi si è rialzato. Si è rimboccato le maniche, ha ricostruito da zero come si fa dopo la devastazione e poi si è messo a correre. Una corsa senza limiti e senza confini, che ha portato in dote un primo posto da urlo, una sfilza impressionante di vittorie e appena una sconfitta. Difficile chiedere di meglio rispetto a quanto visto sinora. Organizzazione societaria perfetta, tante figure ma ruoli ben definiti, un allenatore da urlo per la categoria come Carmine Parlato, un ds con tanta voglia di rimettersi in gioco come Fabrizio De Poli, un amministratore delegato capace di far di conto (sembra poco, ma ricordate il passato?) come Roberto Bonetto, un presidente come Giuseppe Bergamin che ha dimostrato come si gestisce una società.

Bergamin, in particolare, merita una menzione particolare. In estate fu il primo a pensare a un Padova nuovo di zecca, partì fra mille scetticismi, lo guardavano con diffidenza e sospetto e invece ha fatto qualcosa di straordinario. Sarebbe bello, adesso che sono passati alcuni mesi, riprendere in mano certi giudizi emessi prima ancora che potesse dimostrare chi era e quali intenzioni aveva: non può fare il presidente a Padova, è stato al Villafranca e quella è la sua dimensione, non ha soldi e via discorrendo. Direi che se da un lato sarebbe il caso che quanti erano andati oltre la critica costruttiva gli facessero delle scuse, dall’altro è altrettanto chiaro che siamo appena a metà del percorso e che è giusto tirare le somme quando e se il traguardo verrà raggiunto. Questo Padova ha tutte le carte in regola per tornare in Lega Pro e sotto l’albero, ne siamo certi, il pacco regalo da scartare il 10 maggio sarà lo stesso per tutti i protagonisti di questa splendida cavalcata: la promozione.

Lungo il percorso ci sono ancora tanti ostacoli. In ordine sparso: una rosa extralarge con tanti primattori difficile da gestire (Zubin, Ferretti e Amirante, più altri cinque uomini offensivi, non vorremmo essere nei panni di Parlato…), il pericolo di sentirsi arrivati, la tentazione di strafare, la perdita dell’umiltà che ha contraddistinto tutti sono a questo momento, un Alto Vicentino che non bada a spese pur di ribaltare il verdetto di fine 2014.

Un paio di postille prime di chiudere: se mai si dovesse arrivare al traguardo, lì comincerà una nuova sfida, perché serviranno forze fresche per andare avanti, perché sullo sfondo c’è sempre Francesco Canella e ci sono i Supermercati Alì che pensano allo stadio ma forse non solo a quello, perché la Lega Pro porterebbe con sé un impegno economico enorme e perché l’ambiente pretende il massimo ma nulla é scontato.

La seconda è un ringraziamento: questo è un Natale speciale non solo per il Padova ma anche per me. Il motivo lo sapete e ci tenevo a ringraziare con il cuore i miei collaboratori e quanti mi hanno fatto sentire la loro vicinanza in queste settimane. La vita mi ha fatto un regalo enorme dopo sette anni di attesa e tante difficoltà che chi mi sta vicino conosce. Spero di essere all’altezza del mio nuovo ruolo e della sfida che mi si pone davanti. Per il resto a tutti i nostri lettori invio l’augurio più sentito e affettuoso di un buon Natale e di un 2015 da ricordare. Sembra una banalità, anche di un semplice buon auspicio ne abbiamo tutti un gran bisogno.



Commenti

commenti

About Dimitri Canello

Direttore responsabile del sito web Padovagoal. Nato a Padova l'11 ottobre 1975, si è laureato nel marzo del 2002 in Lingue Orientali con la specializzazione in cinese. Giornalista professionista dal settembre 2007, vanta nel suo curriculum numerose esperienze televisive (Telemontecarlo, Stream Tv, Gioco Calcio, Sky, La 7, Skysport24, Dahlia Tv, Telenuovo, Reteazzurra, Reteveneta, Telecittà), sulla carta stampata (collaborazioni con Corriere dello Sport, Tuttosport, Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, World Soccer Digest, Bbc Sport online, Il Mattino di Napoli, Corriere del Veneto) e sui media radiofonici (RTL 102.500, Radio Italia Uno)

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com