Padova-Pordenone, Parlato: “Giocare al ‘Bottecchia’ in campionato sarà ancor più emozionante! E noi…”

Condividi

Fonte: Gazzettino, edizione di Pordenone

Padova e Mantova: niente male come inizio di stagione per la truppa di Bruno Tedino. Saranno sfide ricche di motivazioni. VECCHIO PADOVA – Biancoscudati e virgiliani hanno una settimana in più di allenamenti nelle gambe. Il team di Carmine Parlato, neopromosso in LegaPro, si è radunato il 18 luglio, per poi andare in ritiro a Pieve di Cadore. Alle spalle del Calcio Padova (dal primo luglio non più Biancoscudati, con il ritorno approvato dalla Figc alla denominazione tradizionale) ci sono già 5 amichevoli, tutte vinte. L’ultima 2-1 con il Porto Tolle: doppietta di Ilari. La prima sfida sarà fra Mantova e Padova, venerdì 14 agosto, in casa dei virgiliani. Torna quindi un classico, animato dalla tradizionale rivalità fra le due tifoserie. Inoltre nel Mantova milita Francesco Ruopolo, l’attaccante squalificato per un anno per le vicende del Calcioscommesse, che nella sua confessione coinvolse pure il Padova. Allora gli ultrà della Fattori gli “consigliarono” di non farsi vedere dalle loro parti. Non solo: il 15 luglio l’altro bomber, Cristian Altinier, è passato proprio dai lombardi ai biancoscudati. AMARCORD – Quella con il Mantova fu la prima gara ufficiale (sempre in Coppa) del Pordenone pro di Zauli. Finì 2-0 per i virgiliani, che vinsero anche la gara di campionato in casa: 1-0, con Foschi sulla panca dei ramarri. Nel ritorno al Bottecchia (Rossitto tecnico) vinsero i neroverdi: 2-1 con reti di Andrea Migliorini e Sasha Bjelanovic che, giornata storica, uscì fra gli applausi. LUNGA ATTESA – Non lo ammetterà mai, ma questo momento lo aspetta dal 27 maggio 2014, quando sul sito www.pordenonecalcio.com apparve la nota: «Il presidente Mauro Lovisa comunica che Carmine Parlato non sarà l’allenatore del Pordenone Calcio nella stagione di LegaPro 2014-15». Soltanto 17 giorni prima, sullo stesso sito era stata diffusa la notizia della conferma del tecnico che aveva portato il ramarro alla conquista del professionismo e dello “scudetto” dei dilettanti. Cosa sia successo in quei 17 giorni non è stato mai spiegato. Dopo 14 mesi le strade di Parlato (fresco di promozione con il Padova) e del Pordenone (ripescato) si incroceranno nuovamente in occasione del triangolare di Coppa Italia, con il Mantova terzo incomodo. Tuttavia non ci sarà ancora il ritorno di Carmine al Bottecchia. Comunque finisca il primo incrocio, il Pordenone (alla seconda o alla terza giornata del triangolare) farà visita ai biancoscudati. CHIAMALE EMOZIONI – «Sarebbe stato più emozionante – ci ha detto Parlato – se ci fosse stata la sfida al Bottecchia, del quale – sorride – conosco ogni angolo. Succederà in campionato e le sensazioni saranno ancora più forti. A Pordenone ho ancora tanti amici ed estimatori. Cercherò di salutarli tutti». RAMARRO INGIUDICABILE – L’ex deve pensare prima alla gara di Mantova del 14. Non si sottrae però alla richiesta di giudizio-confronto fra il suo Padova e il Pordenone di Tedino. «Noi – ammette – abbiamo un buon gruppo (Neto Pereira su tutti, ndr). La piazza ci chiede un’altra stagione importante. Il Pordenone non è giudicabile. È stato appena ripescato, è partito tardi e deve completare l’organico. Ritengo in ogni caso che possa essere pronto – prevede Parlato – per il campionato, nel primo fine settimana di settembre».

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli

Controlla anche

Padova, il Club Amissi: “Non saremo allo stadio per seguire la squadra: ecco perché”

Riceviamo e pubblichiamo dal Club Amissi Il direttivo del CLUB AMISSI Biancoscudati riunitosi per l’occasione …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com