Calcio a cinque, Luparense travolta all’esordio ad Asti


Stecca la prima di campionato il Gruppo Fassina Luparense, che subisce nel finale la goleada dell’Asti ad ampliare un punteggio che era rimasto in bilico per buona parte del match: come detto, nel finale, nel tentativo di rimontare (iniziato solo dalla terza rete di Taborda che aveva portato a meno 1 i Lupi), gli uomini di Ferraro hanno commesso un paio di errori decisivi col quinto di movimento e hanno pagato a caro prezzo subendo gol da Bertoni e Zanella che hanno arrotondato il punteggio finale.
E così, nel giorno del debutto nella regular season, la rinnovata compagine rossoblù si è mostrata meno pronta rispetto ad un Asti che aveva molta voglia di cancellare il ko di Supercoppa e ritrovare la vittoria dinanzi al proprio pubblico. Che fosse una sfida difficile, lo si sapeva, ma certamente il passivo è pesante per una Luparense che ha fatto comunque molte cose buone, anche se a sprazzi, mettendo in evidenza un potenziale tutto da scoprire, strada facendo. Un processo di crescita di questo gruppo che, probabilmente, dovrà passare per giornate come questa.

LA GARA – Squadre che arrivano al match con le assenze di De Oliveira e Duarte (squalificati) da una parte, e di capitan Honorio dall’altra (ancora indisponibile). Pronti, via, e l’Asti passa, grazie alla rete di Bocao che, al 2’35”, si gira in un fazzoletto di campo e in girata angola rasoterra alla destra di Miarelli; la reazione dei Lupi è veemente, con il pari sfiorato nel giro di pochi secondi prima da Giasson e poi da Taborda, ma Casassa inizia con due ottime respinte una giornata di gloria; un piatto destro di Romano, respinto di piede da Miarelli, e un sinistro di Caverzan, a lato, anticipano il raddoppio dei locali, che arriva al 10’40” con Cimanguinho che, con un tocco dentro splendido, innesca Zanella, che fugge alle spalle di Ique e si presenta a tu per tu con Miarelli, pallonetto-scavetto ed è 2-0. Ma gli ospiti sono vivi e lo dimostra il missile di Massimo Nurchi, primo marcatore della nuova stagione, al 14’45”, sugli sviluppi di una punizione, palla imprendibile per Casassa ed è 2-1. A 2’40” dalla pausa, Torras in contropiede fugge via e sfiora il 3-1, che tuttavia arriva poco dopo con un gran sinistro di Sergio Romano, palla all’incrocio dei pali ed è tris Asti.
Nella ripresa i Lupi entrano in campo molto in palla e Leandrinho con un tocco sottoporta preciso conclude egregiamente un’azione avviata in rapidità tutto rasoterra da Ique e dall’ex Cujec, dopo 3’20” il punteggio è di 3-2. Leandrinho fugge via sulla sinistra e crossa al centro, ma nessuno è pronto all’impatto, così come Caverzan in acrobazia raccoglie un corner di Ique e sfiora il “golasso”. Gruppo Fassina Luparense che è vivo e a 12′ dalla fine l’episodio-chiave: rigore per fallo di Casassa su Leandrinho in dribbling, dal dischetto però Ique si fa ipnotizzare, il numero uno astense respinge e, incredibilmente, innesca il contropiede dell’ex Bertoni, che scappa via e spara a rete fulminando Miarelli. E’ il 4-2 che è una mazzata psicologica dura da superare, ma, come detto, il cuore dei Lupi è grande e, sfruttando il quinto di movimento, capitan Taborda realizza con un tap in il 4-3 della speranza. Ma il quinto è un rischio troppo alto che successivamente la Luparense pagherà: Torras sugli sviluppi di un corner è dimenticato da tutti e segna il 5-3, poi nel finale due errori di impostazione danno il là alle ultime due reti dell’Asti, che mette il punto esclamativo sul successo con Bertoni e Zanella, per la loro doppietta personale ed il 7-3 definitivo.
Asti in palla, Lupi a tratti molto bene, ma ancora non è sufficiente. Venerdì arriva la Lazio e c’è subito la possibilità di rimediare…

IL TABELLINO

CAMPIONATO SERIE A – 1^ giornata
ASTI-GRUPPO FASSINA LUPARENSE 7-3 (3-1 p.t.)
ASTI: Casassa, Follador, Bocao, Bertoni, De Luca, Torras, Romano, Zanella, Chimanguinho, Crema, Azzoni, Casalone. All. Cafù
GRUPPO FASSINA LUPARENSE: Miarelli, Giasson, Caverzan, Taborda, Cujec, Baron, Ique, Nurchi, Leandrinho, Rigoni, Major, Morassi. All. Ferraro

MARCATORI: 2’35’’ p.t. Bocao (A), 10’40’’ Zanella (A), 14’45’’ Nurchi (L), 18’53’’ Romano (A), 3’20’’ s.t. Leandrinho (L), 8’27’’ Bertoni (A), 14’48’’ Taborda (L), 16’13’’ Torras (A), 17’03’’ Bertoni (A), 18’02’’ Zanella (A)
AMMONITI: Nurchi (L), Casassa (A), Cujec (L)
ARBITRI: Donato Lamanuzzi (Molfetta), Alessandro Merenda (Reggio Calabria) CRONO: Carlo Adilardi (Collegno)

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Dimitri Canello

Direttore responsabile del sito web Padovagoal. Nato a Padova l'11 ottobre 1975, si è laureato nel marzo del 2002 in Lingue Orientali con la specializzazione in cinese. Giornalista professionista dal settembre 2007, vanta nel suo curriculum numerose esperienze televisive (Telemontecarlo, Stream Tv, Gioco Calcio, Sky, La 7, Skysport24, Dahlia Tv, Telenuovo, Reteazzurra, Reteveneta, Telecittà), sulla carta stampata (collaborazioni con Corriere dello Sport, Tuttosport, Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, World Soccer Digest, Bbc Sport online, Il Mattino di Napoli, Corriere del Veneto) e sui media radiofonici (RTL 102.500, Radio Italia Uno)

Controlla anche

Casinò o scommesse sportive: dove è “meglio” giocare?

Quando si tratta di puntare e vincere, in qualsiasi tipo di gioco, ciò che preoccupa …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com