Cremonese-Padova, l’analisi e le pagelle de “Il Mattino di Padova”


Un punticino che muove la classifica e, per la seconda volta di fila, una difesa che non si fa ipnotizzare dagli avversari, tornando a casa imbattuta. Il Padova semina e raccoglie allo stadio “Zini” – entrato nella storia del Biancoscudo per essere stato il palcoscenico del vittorioso spareggio con il Cesena nel giugno 1994, che valse il ritorno in Serie A dopo 32 anni – e continua la scalata all’… Everest, che lo dovrebbe portare a maggio a giocarsi la salvezza ai playout, distanti ora due lunghezze (ma Livorno e Cosenza sono di scena oggi, così come Foggia e Crotone, e quindi le distanze si potrebbero riallungare). Primo 0 a 0 in trasferta per la squadra di Bisoli, ottavo pareggio stagionale, e alla fine il punto è più che guadagnato, anche se a quota 17 non si può certo fare salti di gioia, anzi.

[…]

Su un campo che lo stesso Rastelli, tecnico di casa, ha definito “di patate”, talmente sconnesso e gibboso si è presentato agli occhi dei giocatori, il Padova, schierato come aveva annunciato il mister con il trequartista Capello dietro le punte, “per osare di più”, è piaciuto maggiormente nei primi 45′ che non nella ripresa, quando ha subìto la pressione dei lombardi, più incisivi e pericolosi soprattutto lungo le corsie esterne, in particolare a sinistra. Molto attivo Bonazzoli, il più convinto nel cercare il bersaglio, a cui ha fatto il verso, sul fronte opposto, Strefezza, un “peperino” niente male, che ha provato più volte a scaldare le mani a Minelli.

[…]

In una gara molto equilibrata solo un episodio avrebbe potuto scavare la differenza tra le due compagini, e quell’episodio in effetti c’è stato, ma l’insufficiente arbitro Guccini (mal supportato dall’assistente Chiocchi sotto la tribuna centrale) non ha ravvisato gli estremi per concedere il rigore al Padova quando, su un tiro di sinistro da fuori area di Bonazzoli, Arini ha “parato” il pallone con il braccio sinistro alzato, nettamente staccato dal corpo (34′). Fallo netto, anzi nettissimo, che solo la terna arbitrale non ha giudicato tale, confermando purtroppo che ci sarebbe bisogno di tanta Var pure tra i cadetti.

[…]

Alla fine, pur con qualche patema, l’obiettivo è stato centrato. Ora arriva il Foggia, primo di una serie di scontri diretti da non sbagliare. La salvezza passa principalmente dall’Euganeo.

(Fonte: Mattino di Padova, Stefano Edel. Trovate il resto dell’articolo sull’edizione odierna del quotidiano)

Le pagelle del Padova (Mattino di Padova): Minelli 6; Andelkovic 6.5, Cherubin 6.5, Trevisan 6.5; Morganella 5.5, Calvano 6, Pulzetti 6.5, Longhi 6; Capello 5.5 (31′ st Broh sv); Bonazzoli 6.5, Mbakogu 5 (29′ st Marcandella 6).

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli

Controlla anche

Padova, Zamuner verrà riconfermato? L’ultimo a “resistere” per più di due anni fu Piero Aggradi…

La statistica – scoperta da “Il Mattino di Padova” non solo è curiosa, ma fa …

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com