Vicenza, Mimmo e il Lane: perchè certi amori fanno giri immensi ma poi ritornano sempre…

Condividi

Mimmo Di Carlo a Vicenza, perché certi amori fanno giri immensi ma poi ritornano sempre. Il giovane ragazzo di Cassino arrivò a Vicenza in serie C nell’ottobre del 1990 e nel capoluogo berico fu uno dei protagonisti della promozione in serie B ottenuta nel 1993 con Renzo Ulivieri in panchina. La cadetteria fu solamente un passaggio di soli di due anni perché grazie a mister Guidolin il Vicenza riuscì ad arrivare in serie A, nella quale esordì alla bella età di 31 anni. Le soddisfazioni più grandi però dovevano ancora arrivare: nel novembre del 1996 il Vicenza toccò la vetta in solitaria del campionato più bello al mondo, e il 29 maggio del 1997 ebbe l’onore di alzare al cielo la Coppa Italia, che permise a Mimmo e co. di disputare la Coppa delle Coppe raggiungendo la semifinale contro il Chelsea di Vialli e Zola. Nella città del Palladio rimase anche per la stagione successiva, per un totale di nove anni conditi da oltre 268 presenze in campionato e 9 gol. La sua carriera da giocatore continuò per altri due anni, con le parentesi di Lecce, Livorno e Sudtirol. Il debutto in panchina invece arrivò nella stagione 2001-2002, quando il Vicenza gli affidò la guida della Primavera, e dopo aver fatto vedere il suo valore il ds Magalini decise di portarlo con sè a Mantova dove compì una scalata miracolosa dalla C2 sino alla finale playoff per la serie A con il Torino. Da allenatore ha avuto molte esperienze tra Mantova, Parma, Chievo, Samp, Livorno, Cesena, Spezia e Novara, fino ad arrivare ai giorni nostri con la chiamata dell’amato Lanerossi Vicenza, perchè certi amori fanno giri immensi… ma poi ritornano sempre.

Commenti

commenti

About Giulio Pavan

Controlla anche

Playoff Serie C, si parte domenica 9 maggio con Triestina-Virtus Verona

Ecco il primo turno dei playoff del girone B. Si parte domenica 9 maggio Primo …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com