Padova, Lalas e l’emozione di un grande ritorno: “Spero di aver lasciato un bel ricordo, non ero in più forte ma sicuramente ero il più bello…”


Alexi Lalas è tornato oggi a 23 anni di distanza a Padova per la prima volta dopo l’esperienza in Serie A con la maglia biancoscudata. Per la prima tappa della giornata l’ex difensore americano, ora commentatore di Fox Sports: “Sono molto emozionato, tornare qui dopo 23 anni è qualcosa di indescrivibile e di toccante. Perché qui sono cresciuto prima di tutto come uomo e poi come calciatore. Quella Serie A era fortissima, dovevo marcare gente come Baggio, Stoichkov, Balbo, Del Piero, era difficile eh? Non ero sicuramente il più forte difensore, ma sicuramente ero il più bello. E lo sono anche adesso. Quando arrivai a Padova ricordo che dissi a Marco Franceschetti mi serviva un fax, adesso non si usa più, ma al tempo era fondamentale e mi serviva. È emozionante tornare qui, spero di aver portato un’altra mentalità in Italia, non ho mai voluto cambiare la mentalità del calcio italiano, ma ho voluto cercare di far capire che c’è anche un altro modo di vedere le cose. A volte abbiamo vinto, altre volte abbiamo perso. Al tempo le squadre italiane potevano tesserate soltanto tre stranieri, io, Vlaovic e Kreek: era difficile giocare in Italia, poi le cose sono cambiate. Quando mi dissero che il Padova mi voleva, non ci pensai due volte ad accettare. Il gol al Milan? Ho pensato che magari ero in fuorigioco, oggi col Var forse me l’avrebbero annullato. Giocare a calcio per me era qualcosa di incredibile, farlo nel campionato italiano poi era qualcosa di pazzesco. Sono rimasto in contatto con Galderisi, Franceschetti e Michel Kreek. La vita di un calciatore non sono soltanto i 90 minuti in cui si gioca la partita, ci vogliono amicizia e rispetto, vivevo ad Abano Terme e le relazioni erano la prima cosa. Grazie alla squadra nazionale americana, perché ha fatto un Mondiale eccezionale, hanno espresso un gioco anti-italiano se così vogliamo dirlo. Un gioco propositivo e che ha dato un messaggio bellissimo. Non me ne frega niente se il calcio è maschile o femminile, per me può essere anche entrambi assieme, basta divertirsi e cercare di fare gol. Perché 23 anni dopo? Perché non c’è stata l’opportunità, dovevo sempre lavorare, ma mia moglie e i miei figli sono stati felicissimi di accompagnarmi. Ai tifosi del Padova voglio dire grazie, era un altro tempo e un altro mondo. Il Padova era una squadra che rappresenta una città con tanta storia, ma se non ritorneremo a questi livelli non sarà un dramma. Lo scudo non cambierà, cambieranno proprietari, giocatori e dirigenti, ma questo scudo resterà sempre. È una questione di fede, di modo di vivere”

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

commenti

About Dimitri Canello

Direttore responsabile del sito web Padovagoal. Nato a Padova l'11 ottobre 1975, si è laureato nel marzo del 2002 in Lingue Orientali con la specializzazione in cinese. Giornalista professionista dal settembre 2007, vanta nel suo curriculum numerose esperienze televisive (Telemontecarlo, Stream Tv, Gioco Calcio, Sky, La 7, Skysport24, Dahlia Tv, Telenuovo, Reteazzurra, Reteveneta, Telecittà), sulla carta stampata (collaborazioni con Corriere dello Sport, Tuttosport, Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, World Soccer Digest, Bbc Sport online, Il Mattino di Napoli, Corriere del Veneto) e sui media radiofonici (RTL 102.500, Radio Italia Uno)

Controlla anche

Serie C girone B, i risultati in tempo reale: vittoria per la Triestina, tris della Samb

SERIE C GIRONE B, I RISULTATI DELLA PRIMA GIORNATA LIVE! Ore 15.00 Arzignano-Piacenza 0-0 Carpi-Cesena …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com