Lazio-Padova, l’analisi de “Il Gazzettino”

Condividi

“Il Padova riparte da Della Latta. Bomber nella passata stagione, il centrocampista viareggino segna il primo gol della nuova stagione che vale il momentaneo vantaggio nell’amichevole di lusso con la Lazio. Una prestazione di spessore per i biancoscudati che al cospetto di un avversario fuori categoria giocano soprattutto nel primo tempo con grande intensità e personalità. Meritato il vantaggio. E solo pochi istanti prima dell’intervallo matura il pareggio di Luis Alberto dagli undici metri. Buona la prova della squadra anche nella ripresa quando cambiano gli interpreti, a conferma che tutti i giocatori sono al momento dentro al progetto. Per il suo primo undici Pavanel sceglie una difesa con Pelagatti e Kirwan terzini a supporto dei centrali Valentini e Gasbarro a protezione di Vannucchi; la certezza nella linea mediana è garantita da Ronaldo in cabina di regia con Della Latta e Saber ai suoi fianchi; davanti è Nicastro a reggere il peso dell’attacco con Jelenic e Bifulco a fare l’elastico sulle corsie laterali. Nessun timore reverenziale tanto che la squadra parte sempre dal basso quando si tratta di impostare l’azione riuscendo più di una volta a eludere il pressing laziale. Saranno anche sottotono Milinkovic Savic e compagni, ma i biancoscudati sono organizzati, muovono bene la palla e sanno sempre cosa fare nelle due fasi”: questo l’incipit dell’analisi di Lazio-Padova apparso sulle colonne de “Il Gazzettino”.

Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com