Pordenone-Padova, l’analisi e le pagelle de “Il Gazzettino”

Condividi

“Quarta vittoria di fila con approdo in vetta alla classifica condivisa con la Feralpi Salò (vittoria per 1-0 con la Virtus Verona), prossimo avversario lunedì 3 ottobre. A mettere il timbro sul sabato perfetto di Lignano è ancora Vasic, al secondo gol consecutivo dopo quello con la Pro Patria. Un’altra prodezza per l’esterno di San Giorgio delle Pertiche, con una volee di destro tanto bella quanto pesante dato che vale i tre punti. Ma tutto il Padova sfodera un’altra prestazione con i fiocchi per intensità e qualità almeno per un’ora, raccogliendo il vantaggio meritato nella ripresa, giocata con l’uomo in più per il doppio cartellino giallo rimediato qualche istante prima dell’intervallo da Negro. Già nella prima frazione il pareggio stava stretto alla truppa di Caneo per volume di gioco e soprattutto per le due occasioni non sfruttate da Russini (palo) e De Marchi (fuori). Poco importa perché alla fine i biancoscudati portano a casa l’intera posta, anche se l’ultima mezzora andava gestita meglio dato che hanno rischiato di gettare alle ortiche la vittoria con Dubickas, impreciso da pochi passi, e soprattutto grazie a Donnarumma, provvidenziale in pieno recupero nell’ipnotizzare Pinato nel faccia a faccia. Resta comunque la prova di forza della squadra, considerato il valore del Pordenone, sino a ieri imbattuto e davanti a tutti”: questo l’incipit dell’analisi di Pordenone-Padova apparsa sulle colonne de “Il Gazzettino”.

 

Le pagelle Biancoscudate (Gazzettino): Donnarumma 8; Belli 6.5 (Franchini sv), Valentini 6.5, Calabrese 6.5; Vasic 8 (Ilie 6), Cretella 7, Dezi 6.5, Jelenic 6 (Radrezza 6); Liguori 7, Russini 6.5 (Gagliano sv); De Marchi 6 (Ceravolo 6).



Commenti

commenti

About Gabriele Fusar Poli


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com