Mondiali di atletica, a 41 anni Pertile strabilia il mondo: quarto a un soffio dal podio a Pechino!

Condividi

PECHINO – A quarantuno anni compiuti Ruggero Pertile strabilia il mondo. Quarto alla maratona ai Mondiali di Pechino in 2h14’22’, l’atleta padovano infila la prestazione migliore della sua carriera. Pertile si piazza a un soffio dal podio dietro al 19enne eritreo Ghirmay Gebreslassie (2h12:27) e chiude i 42km e 15 metri di percoso a soli 53 secondi da un bronzo che sarebbe stato sensazionale. A prendersi l’argento l’etiope Yemane Tsegay (2h13:07), mentre il gradino più basso del podio è dell’ugandese Solomon Mutai (2h13:29). Ottavo posto per Daniele Meucci (2h14:53), che completa con un finale orgoglioso la bella giornata della maratona italiana. A fine gara Pertile trova persino il modo di fare il perfezionista: “E’ il miglior risultato di tutta la mia carriera – racconta – ma non ne sono ancora del tutto felice. Mi dispiace per la medaglia perchè non era troppo lontana (appena 53 secondi, ndr) ed io ci ho creduto dal primo metro dopo la partenza. Ho fatto una gara regolare, conoscendo bene i cambi di ritmo tipici degli africani, anche se qui ho visto i big abbastanza in difficoltà, sudavano tantissimo. Kipsang ad esempio era con me, ma si bloccava letteralmente ad ogni rifornimento. E’ stata la maratona che avevo in mente, 42 chilometri e 195 metri in cui bisognava fare bene i conti con la benzina che si ha in corpo e dosarla bene fino all’ultimo. Rio nel 2016 sarà una gara difficile come questa. Ogni maratona è una storia che bisogna saper leggere. L’età conta, ma si vince e si arriva in fondo con la testa e le motivazioni. Nel 2014 venivo da sei mesi di stop, stavolta invece ho avuto la fortuna di poter lavorare come si deve per preparare una maratona. A 41 anni, ogni anno diventa più difficile, ma in Meucci ho trovato un ottimo compagno di allenamento. Ci si motiva a vicenda e sono convinto che lui abbia davanti a sè un futuro in cui potrà anche mettersi al collo altre medaglie. So cosa gli manca ancora e lui ha già dimostrato con la vittoria di Zurigo di avere tutte le carte in regola per riuscirci”.

Fonte: Corriereveneto.it

Commenti

commenti

About Dimitri Canello

Direttore responsabile del sito web Padovagoal. Nato a Padova l'11 ottobre 1975, si è laureato nel marzo del 2002 in Lingue Orientali con la specializzazione in cinese. Giornalista professionista dal settembre 2007, vanta nel suo curriculum numerose esperienze televisive (Telemontecarlo, Stream Tv, Gioco Calcio, Sky, La 7, Skysport24, Dahlia Tv, Telenuovo, Reteazzurra, Reteveneta, Telecittà), sulla carta stampata (collaborazioni con Corriere dello Sport, Tuttosport, Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, World Soccer Digest, Bbc Sport online, Il Mattino di Napoli, Corriere del Veneto) e sui media radiofonici (RTL 102.500, Radio Italia Uno)

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com