Vicenza in caduta libera, il Trapani passa al Menti: Marino verso l’esonero

Condividi

VICENZA – Nessun miglioramento, anzi: arriva un’altra sconfitta pesantissima e la situazione per il Vicenza si fa drammatica. Al Menti arriva un altro crollo fragoroso, stavolta contro il Trapani e la serie di eventi dentro e fuori dal campo delle ultime settimane fanno venire i brividi. Pasquale Marino è a fortissimo rischio e nel dopogara l’amministratore delegato biancorosso Dario Cassingena si è presentato in sala stampa lasciando capire che l’allontanamento del tecnico siciliano non è affatto da escludere: “Abbiamo deciso di ritrovarci domani – ha spiegato Cassingena – ci saranno i consiglieri del Vicenza e -se vogliono- anche quelli di ViFin, per capire serenamente quale decisione prendere. Cosa accadrà ancora non lo posso sapere. La decisione finale verrà preso dal CdA del Vicenza calcio; ViFin è parte importante ed è giusto sentire anche a loro. Un confronto va fatto, assolutamente. Personalmente non ho nomi per un nuovo allenatore, ci pensa il direttore sportivo. La mia priorità è quella di trovare soluzioni per rialzarci”. Sul campo il Trapani merita il successo, anche se al Vicenza gira tutto storto e, di sicuro, la fortuna ha voltato le spalle a Marino. Succede tutto nel primo tempo e il Vicenza inizia molto bene la partita.  I biancorossi premono subito, creano due occasioni e passano al 17′: su una punizione battuta da Ebagua, Moretti pennella e Brighenti tutto solo infila Nicolas per l’1-0. Il pareggio del Trapani arriva all’improvviso al 35′: Fazio ruba palla a Galano, serve Perticone, che fa sponda per Citro, abile a infilare Vigorito con una splendida girata al volo. Al 44′ il crack: Signori perde un pallone sanguinoso a centrocampo, Citro lo recupera e innesca immediatamente Coronado, che dribbla e tira a colpo sicuro, facendo secco Vigorito per la seconda volta. In apertura di ripresa Eramo al 3′ sfiora il 3-1 dopo uno scambio in velocità con Petkovic, poi al 14′ Galano ha la palla del 2-2, ma viene anticipato in extremis. Marino si gioca la doppia carta Vita-Giacomelli per tentare di recuperare lo svantaggio, ma il rosso diretto a Brighenti per un fallo sconcertante su Montalto, di fatto, chiude il conto. Ma il Vicenza non molla e riesce a sfiorare ancora il 2-2 con Raicevic, che colpisce una clamorosa traversa al 37′. C’è pure una chance colossale che capita a Nizzetto per il 3-1, ma l’esterno siciliano spara alle stelle da posizione favorevolissima. Il Menti è sgomento, la retrocessione adesso è dietro l’angolo.

Commenti

commenti

About Dimitri Canello

Direttore responsabile del sito web Padovagoal. Nato a Padova l'11 ottobre 1975, si è laureato nel marzo del 2002 in Lingue Orientali con la specializzazione in cinese. Giornalista professionista dal settembre 2007, vanta nel suo curriculum numerose esperienze televisive (Telemontecarlo, Stream Tv, Gioco Calcio, Sky, La 7, Skysport24, Dahlia Tv, Telenuovo, Reteazzurra, Reteveneta, Telecittà), sulla carta stampata (collaborazioni con Corriere dello Sport, Tuttosport, Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale, World Soccer Digest, Bbc Sport online, Il Mattino di Napoli, Corriere del Veneto) e sui media radiofonici (RTL 102.500, Radio Italia Uno)

Controlla anche

Padova, Sogliano: “È una sconfitta che compromette tanto, l’umore è basso”

Conferenza stampa oggi allo stadio Euganeo per il direttore sportivo del Padova Sean Sogliano. Dopo …


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com